venerdì 15 dicembre 2017

Chimienti su aumenti stipendiali docenti: una mancia che verrà poi ripresa con gli interessi successivamente, è la prassi del PD


Nel suo blog la parlamentare M5S Silvia Chimienti scrive: “ Siamo sempre stati al fianco degli insegnanti e la dignità professionale deve essere anche riconosciuta da un adeguato e corretto compenso salariale. Gli 85 euro lordi, quindi 40-50 euro netti, di Gentiloni si tramuteranno in una mancia che verrà poi ripresa con gli interessi successivamente, è la prassi del PD. Non permetteremo questa ulteriore offesa alla scuola italiana “.


Docenti Fuori Sede Uniti: Se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto.




Se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto.
Oggi siamo andate a Montecitorio dove i sindacati Flc Cgil, Cisl scuola, Uil scuola e Snals erano riuniti in assemblea pubblica con lo scopo di chiedere l'aumento dei fondi destinati al rinnovo contrattuale nella legge di bilancio. Abbiamo chiesto e ottenuto di poter intervenire con un nostro contributo. 
Abbiamo detto in un tempo ristrettissimo, ma pubblicamente e con chiarezza, quello che avremmo voluto dire il 6 dicembre all'incontro da noi organizzato, al quale gli stessi sindacati hanno deciso di non partecipare. Abbiamo parlato a nome di tutti i docenti che sono costretti fuori sede ad impegnare il proprio stipendio per mantenere il posto di lavoro e che un contratto fotocopia con la percentuale al 30 percento per i trasferimenti umilierebbe nuovamente.
Abbiamo ribadito di aver diritto ad una quota più alta nella mobilità interprovinciale, abbiamo chiesto di non firmare il cosiddetto contratto ponte, di dare così un segnale chiaro della volontà di voler risolvere il problema dei docenti esiliati fuori sede dando ad esso il giusto spazio ai tavoli della contrattazione. Solo così può partire un piano di rientro dei docenti che desiderano lavorare vicino alle proprie famiglie. 
I docenti di ruolo attendono una risposta (e che sia positiva), non accetteranno di essere sacrificati per un altro anno ancora.


Fonte

giovedì 14 dicembre 2017

Scuolabus travolto da un treno. Morti 4 studenti


Uno scuolabus è stato travolto da un treno a un passaggio a livello nel comune di Millas, a 15 chilometri da Perpignan, nel sud-ovest della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Dopo le prime informazioni diffuse dai media, il Ministero dell'Interno ha fatto un primo bilancio: quattro le vittime, tutti studenti. Erano sul bus anche sette feriti gravi. Dei 12 feriti in modo lieve, nove erano a bordo del bus e tre sul treno. Lo scuolabus trasportava 19 studenti, ragazzi tra i 13 e i 17 anni.


Bonus 500 euro: dal 19 dicembre sarà possibile utilizzare le somme non spese


"A partire da martedì 19 dicembre (nel corso della giornata) sarà possibile visualizzare ed utilizzare, nel sistema carta del docente, le somme non spese (o i bonus non validati) nei precedenti anni scolastici. Pertanto, al fine di effettuare gli adeguamenti informatici e le necessarie verifiche amministrative e contabili, gli esercenti ed i docenti non potranno utilizzare il sistema carta del docente dal giorno 14 dicembre a tutto il 18 dicembre ".

Questo è l’avviso pubblicato sul sito ministeriale dedicato alla Carta del docente (http://cartadeldocente.istruzione.it)


Aldo Domenico Ficara

Concorsi a cattedra 2018 senza posti




Riportiamo lo stralcio di un articolo pubblicato su Orizzonte Scuola che recita così: “ Si tratterà di concorsi “particolari e innovativi”, nel senso che non saranno banditi per un determinato numero di posti, quindi non legati ad un piano di immissioni in ruolo. Pertanto, nel momento in cui il docente partecipa alla procedura, pur scegliendo la regione in cui desidera essere assunto a tempo indeterminato, non gli sarà possibile sapere con certezza quanto tempo passerà tra la vincita del concorso e l’immissione in ruolo. Per alcune classi di concorso potrebbero occorrere degli anni, soprattutto se si sceglie regione con GaE ancora in piedi e graduatorie concorso 2016 ancora piene “. Quindi per i nuovi aspiranti docenti che dovranno passare  dai meandri del FIT, si aprono scenari di lungo respiro.


Aldo Domenico Ficara

mercoledì 13 dicembre 2017

Emolumenti maturati dai supplenti delle scuole dall’inizio dell’anno scolastico bloccati da NoiPA




Da un Comunicato stampa Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Riportiamo uno stralcio particolarmente significativo:


“ Quest’anno gli emolumenti maturati ( dai supplenti delle scuole ) dall’inizio dell’anno scolastico sono bloccati da NoiPA, nonostante le scuole abbiano proceduto correttamente e per tempo ad inserire i contratti e questi risultino autorizzati. Sussisterebbe, infatti, un problema con l’elaborazione dei contratti da parte di NoiPA, che avrebbe rallentato tutta la procedura di liquidazione delle retribuzioni spettanti. Questi stipendi non saranno liquidati neppure con l’emissione speciale prevista per il prossimo 13 dicembre “.

Fonte

Il sé resiliente, antidoto al cyberbullo




Il sé resiliente è la difesa più efficace contro il cyberbullo. La conoscenza delle procedure per una navigazione sicura nel Web è un corollario. Necessario, non sufficiente se non si lavora sulla personalità. In molti casi questa risulta in costruzione e fragile. Quindi soggetta agli attacchi del cyberbullo.  

Il sé resiliente di R.Kipling
Se riesci a conservare il controllo quando tutti
Intorno a te lo perdono e te ne fanno una colpa;
Se riesci ad avere fiducia in te quando tutti
Ne dubitano, ma anche a tener conto del dubbio; 
Se riesci ad aspettare e a non stancarti di aspettare,
O se mentono a tuo riguardo, a non ricambiare in menzogne, 
O se ti odiano, a non lasciarti prendere dall’odio, 
e tuttavia a non sembrare troppo buono e a non parlare troppo saggio:
Se riesci a sognare e a non fare del sogno il tuo padrone;
Se riesci a pensare e a non fare del pensiero il tuo scopo;
Se riesci a far fronte al Trionfo e alla Rovina
e trattare allo stesso modo quei due impostori; 
Se riesci a sopportare di udire la verità che hai detto
Distorta da furfanti per abbindolare gli sciocchi,
O a contemplare le cose cui hai dedicato la vita infrante,
E piegarti a ricostruirle con arnesi logori.
Se riesci a fare un mucchio di tutte le tue vincite
E rischiarle in un colpo solo a testa e croce,
E perdere e ricominciare di nuovo dal principio
E non fiatare una parola sulla perdita; 
Se riesci a costringere cuore, tendini e nervi
A servire al tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,
E a tenere duro quando in te non resta altro
Tranne la Volontà che dice loro: “Tieni duro!”
Se riesci a parlare con la folla e a conservarti retto,
E a camminare coi Re senza perdere il contatto con la gente,
Se non riesce a ferirti il nemico né l’amico più caro,
Se tutti contano per te, ma nessuno troppo;
Se riesci a occupare il minuto inesorabile
Dando valore a ogni istante che passa,
Tua è la terra e tutto ciò che è in essa,
E – quel che è più – sei un Uomo, figlio mio!
( da R. Kipling, Poesie, a cura di Ornella De Zordo, Milano, Mursia, 1987.)

Una traduzione
In sintesi, il sé resiliente richiede questi comportamenti:
1) conoscere se stessi e non far dipendere (troppo) le nostre emozioni dagli eventi
2) Spostare l’attenzione dal rancore, dalla rabbia alla costruzione di atteggiamenti positivi e attivi.
3) Superare l’educazione vittimistica (paralizzante), a beneficio di un lavoro finalizzato a creare un contesto fatto  relazioni costruttive e formative, prodotto anche dalla messa in pratica di soluzioni e tecniche di comunicazione efficaci….
Questi atteggiamenti devono essere promossi e favoriti da adulti autorevoli,   qualche volta autoritari e con un’alta competenza all’ascolto profondo. I nostri ragazzi chiedono questa presenza. Non esplicitamente! E’ necessario essere capaci di guardarli “
occhi negli occhi” per cogliere i metamessaggi, che spesso contraddicono il livello formale della comunicazione.
Il sé resiliente è una conquista, non una dote innata nei ragazzi. E non solo!

Gianfranco Scialpi


2 milioni di persone fanno la domanda per diventare bidello, segretario o assistente di laboratorio




A tentare la carta per diventare bidello, segretario o assistente di laboratorio nelle scuole sarebbero 2 milioni di persone. Tanti davvero, soprattutto se in rapporto ai 20mila posti disponibili, peraltro diluiti in un triennio. A tal riguardo Il Fatto Quotidiano scrive: “Il 30 ottobre è scaduto il bando per la presentazione delle domande per l’inserimento e l’aggiornamento delle graduatorie di circolo e di istituto di III fascia del personale ATA, relative alle supplenze nella scuola. Bando ATA 2017 che fa riferimento alle assunzioni per il triennio scolastico 2017-2220 ed è rivolto ai candidati che desiderano lavorare come dipendenti pubblici nelle scuole italiane svolgendo ruoli Ausiliari Tecnici Amministrativi “.


Aldo Domenico Ficara

Delusione tredicesima: tassata con una maggiorazione del 31%




“ La tredicesima, così tanto attesa, si è trasformata ieri per molti dipendenti in una vera e propria delusione. A parte i problemi tecnici che ancora oggi impediscono a molti utenti di poter visualizzare il proprio cedolino relativo alla mensilità di dicembre 2017, comprensiva di tredicesima, chi ha potuto accedere non ha potuto fare a meno di constatare l’eccessivo carico di ritenute fiscali “. Così inizia un articolo pubblicato su Orizzonte Scuola riguardante l’accredito della tredicesima che avverrà venerdì 15 dicembre. La tredicesima, infatti, è tassata diversamente dalle normali retribuzioni: la retribuzione che il lavoratore percepisce a dicembre come tredicesima mensilità subisce una decurtazione del 31% rispetto alle normali retribuzioni.


Aldo Domenico Ficara

martedì 12 dicembre 2017

Silvio Berlusconi: libertà delle famiglie nella scelta dell’indirizzo educativo


Silvio Berlusconi in un messaggio indirizzato allo Snals,  tra le altre cose scrive: “ La politica non deve calare decisioni dall’alto, deve saper ascoltare chi lavora, chi affronta quotidianamente i problemi, chi li vive sulla propria pelle… a loro, non ai professionisti della politica, vogliamo affidare il futuro del nostro Paese. Questo per noi significa difesa effettiva dell’autonomia scolastica, libertà delle famiglie nella scelta dell’indirizzo educativo, valorizzazione della professionalità degli insegnanti, limitazione delle intrusioni burocratiche che rendono difficile il vostro lavoro…. Tutto questo rende necessaria una svolta profonda che noi ci impegniamo a realizzare con voi e per voi”.


Aldo Domenico Ficara