venerdì 27 aprile 2012

Ma di che odio parla Stefanel?

Il mio articolo pubblicato su scuolaoggi e su RTS dal titolo :
"Il giorno libero settimanale per i docenti è una concessione o un diritto?" ha suscitato un infelice commento di Stefano Stefanel, a cui rispondo con chiarezza e civiltà da questa testata.


Voglio rassicurare il preoccupato Stefanel che, per mia indole e per mia fortuna, non odio nessuno. Con la categoria dei dirigenti scolastici mi confronto con serenità  e cordialità, tra loro ci sono tanti cari amici. Invece, da sindacalista in prima linea, combatto e contrasto quel tipo di dirigente despota, che tende illegittimamente ad abusare del proprio ruolo, sconfinando nell’illecito. Potrei fare un lungo elenco di dirigenti condannati per  comportamenti antisindacali ed anche per reati da codice civile o ancora peggio da codice penale. Qualche esempio di dirigente despota o padrone lo ha dato magistralmente l’eccellente Sebastiano Maggio alias “Polibio”, nei suoi pirotecnici articoli. Invito Stefanel ad un confronto sereno e pacato, rivolto ad argomentare le sue tesi  ed anche ovviamente a demolire il mio punto di vista. Rimango pienamente convinto di quanto affermo, nell’articolo : “il giorno libero settimanale per i docenti è una concessione o un diritto?” e faccio notare che tale consuetudine diffusa in tutta Italia e da molti lustri è per l’art.2078 del codice civile riconosciuta un diritto. Infatti l ‘art.2078 c.c.  prevede che anche se il contratto dicesse il contrario ( ma non lo dice) la fonte dei comportamenti ripetuti nel tempo (consuetudine), favorevoli al lavoratore, prevalgono sul contratto. Insomma, il diritto al giorno libero esiste e va applicato. Mi spiace per Stefanel, ma dovrà farsene una ragione, non potrà organizzare l’orario dei docenti della sua scuola, come meglio crede, ma dovrà rendere conto al rispetto dei codici “civili” di legge.

Lucio Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.