lunedì 16 aprile 2012

Se la disabilità grave può aspettare

Da Scuolaoggi del 16-04-2012 di Lucio Ficara

 Quando l'accertamento dello stato di gravità della disabilità e del bisogno dell'assistenza continuativa tarda ad arrivare.
Se la commissione per l'accertamento dello stato di gravità della disabilità (per esempio di un genitore del lavoratore) e per la necessità di assistenza continuativa tarda oltre i 90 giorni dalla richiesta fatta, allora bisogna attenersi all' Art.9 punto a) del CCNI del 29/02/2012.
Riportiamo il seguente punto per fare chiarezza: Lo stato di disabilità deve essere documentato con certificazione o copia autenticata rilasciata dalle commissioni mediche, funzionanti presso le A.S.L., di cui all'art. 4, della legge n. 104/92. Qualora tali commissioni non si pronuncino entro 90 giorni dalla presentazione della domanda, gli interessati, ai sensi dell'art. 2, comma 2, del D.L. 27.8.93 n. 324, convertito con modificazioni dalla legge 27.10.93, n. 423, documentano, in via provvisoria, la situazione di disabilità, con certificazione rilasciata da un medico specialista nella patologia denunciata in servizio presso l'A.S.L. da cui è assistito l'interessato. La mancata emissione dell'accertamento definitivo per il decorso dei novanta giorni deve essere rilevata e dichiarata in sede del predetto accertamento provvisorio. La situazione di disabilità in caso di soggetti con patologie oncologiche può essere documentata, in via provvisoria, con la citata certificazione, qualora le commissioni non si pronuncino, come previsto dall’art. 6 , comma 3 bis della L. 80/2006, entro 15 giorni dalla domanda degli interessati. La mancata emissione dell'accertamento definitivo per il decorso dei quindici giorni deve essere rilevata e dichiarata in sede del predetto accertamento provvisorio. Tale accertamento produce effetto fino all'emissione dell'accertamento definitivo da parte della commissione medica di cui all'art. 1 della legge 15.10.1990 n. 295 integrata, ex art. 4 della legge n. 104/92, da un operatore sociale e da un esperto in servizio presso le A.S.L.. E’ fatto obbligo all'interessato di presentare la certificazione definitiva entro 10 giorni dalla ricezione del relativo atto.
Lucio Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.