giovedì 31 maggio 2012

Scuola, sul merito i sindacati bocciano il ministro.

Slitta per ora la legge preparata da Profumo. Critiche anche da Tullio De Mauro. La FLC CGIL: le stesse logiche di Gelmini

di Mariagrazia Gerina - L'Unità - 31 maggio 2012 - pag. 12

«Detta così, mi sembra una sciocchezza», replica tranchant l'ex ministro dell'Istruzione, Tullio De Mauro, a proposito del provvedimento sul «merito» che l'attuale inquilino di viale Trastevere ha in serbo per la scuola. Mettere in cantiere delle politiche per promuovere il merito tra i banchi «di senso ne ha ben poco», ripete il linguista, che, ospite della Flc-Cgil, ha appena finito di instillare qualche nota di ottimismo, dati alla mano, sull'impresa compiuta fin qui dalla scuola.

Profumo, a chi giova ignorare il disagio scolastico?



Alcuni docenti del liceo scientifico Gullace di Roma hanno indetto uno sciopero per la prima ora del 29 Maggio, con sit-in davanti alla sede centrale, al quale parteciperanno anche studenti e genitori.

Il ministro Profumo e la scuola affidata al pilota automatico

di Vincenzo Pascuzzi - 28 maggio 2012

Savona amara. Contestato il ministro Profumo nella sua Savona. Ce lo dice il Secolo XIX. Al ministro i genitori rimproverano: «Un atteggiamento che rivela una mancanza totale di conoscenza della realtà della scuola italiana degli ultimi dieci anni» (1). E lui replica dando la colpa ai media e ai giornalisti (2).
Poi l'esempio della Francia di Hollande che ha vinto le elezioni promettendo seriamente, nei suoi prossimi cinque anni di presidenza: più 5,2 miliardi di euro e più 60 mila posti di lavoro nell’istruzione pubblica.
Al contrario il nostro Profumo ha dovuto impegnarsi a proseguire e completare l'opera distruttiva del precedente ministro: meno 8,3 mld di euro, meno 81.120 cattedre e meno 44.500 Ata, poi maestro unico, classi pollaio, ....
E' come se Gelmini, lasciando il Miur, avesse inserito e bloccato il pilota automatico e il nuovo ministro dovesse limitarsi a sorvegliarlo di tanto in tanto. Quasi come la Costa Concordia prima dell'incidente.

Classi di concorso: serve specificità non atipicità


La specificità degli insegnamenti è una condizione essenziale per garantire una trasmissione del sapere da docente a discente. Le competenze specifiche di un docente  sono il punto di forza che garantisce il successo formativo degli alunni.

mercoledì 30 maggio 2012

Tremila euro per diventare (forse) insegnanti


Gramsci scriveva: “La cultura è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere il proprio valore storico, la propria funzione nella vita, i propri diritti, i propri doveri”. In una società funzionale e moderna il compito di instillare nei più giovani “coscienza superiore” e aiutarli a “comprendere il proprio valore storico” è demandato agli insegnanti. Il punto è che in Italia per diventare insegnanti, e quindi per assolvere al compito gravoso cui faceva riferimento Gramsci, bisogna avere da parte un bel po’ di soldi. Perché? Il perché lo sanno tutti quei docenti precari che in questi giorni sono alle prese con un acronimo da brividi: TFA, che sta per Tirocinio Formativo Attivo.

Cronaca di una prova Invalsi tra strategie, sabotaggi e protocolli

di Franco Tornaghi - mercoledì 30 maggio 2012
Sono uno dei tanti “responsabili della valutazione” in una scuola secondaria di II grado. Ovviamente sono stato coinvolto – e lo sono tuttora - nella rilevazione Invalsi. Ogni esperienza è particolare, ma forse vale la pena, anche ai non addetti ai lavori, sapere cosa vuol dire affrontare una tale prova dal punto di vista “pratico”.



martedì 29 maggio 2012

Solidarietà

 
 LA  REDAZIONE DI RTS VUOLE ESPRIMERE LA PROPRIA SOLIDARIETA', STRINGENDOSI ATTORNO A  I COLLEGHI, AGLI STUDENTI  E A TUTTE LE PERSONE COLPITE DAL FORTE TERREMOTO, CON L'AUGURIO SINCERO CHE TUTTO TORNI ALLA NORMALITA', NEL PIU' BREVE TEMPO POSSIBILE.

Signora Maestra

Domenica sera ho condiviso con una trentina di temerari uno spericolato esperimento sentimentale: il raduno dei compagni di classe delle elementari. Erano quarant’anni e centomila capelli che non ci si vedeva e per farsi riconoscere ciascuno si era pinzato sul petto una targhetta con nome, cognome e una propria foto di allora. E' stata una delle serate meno nostalgiche della mia vita: il passato da rammentare era così remoto che sembrava futuro. Si è parlato tantissimo di progetti e speranze, pochissimo di calcio, niente di politica. Ma si è parlato soprattutto della, e con la, Maestra. Era per i suoi 88 anni appena compiuti che avevamo apparecchiato lo spettacolo, salvo accorgerci in fretta che lo spettacolo era lei. Buona ma non debole, la schiena ancora dritta come i suoi pensieri. La Maestra. Quella che ci aveva insegnato a leggere con i libri di Primo Levi e di Rigoni Stern. Anche l'altra sera ha ascoltato con attenzione il primo e l'ultimo della classe declamare "bosco degli urogalli" e poi ha dato loro il voto: basso e però giusto, come sempre. Si aggirava fra i suoi scolari attempati distribuendo carezze ruvide e rimproveri dolci. Nel guardarla pensavo all'esercito silenzioso di cui quella donnina formidabile fa parte: le maestre elementari della scuola pubblica italiana che hanno tirato su una nazione con stipendi da fame, ma meritandosi qualcosa che molti potenti non avranno mai. Il nostro rispetto.

Prima di andare a dormire ci ha detto che averci avuti come alunni era stato, per lei, come riceverci in dono. Poi ci ha baciati sulla fronte, uno a uno. Sono rientrato a casa con addosso l'energia di un leone.

di Massimo Gramellini

lunedì 28 maggio 2012

Il manager, il dirigente scolastico e Facebook



Manager è un  Termine inglese il cui uso è ormai consolidato anche  nella lingua italiana. La sua fortuna sta nell’ampiezza del significato del termine.  In italiano, infatti, secondo il contesto può significare amministratore, gestore, gerente, responsabile, dirigente ed anche direttore.  In generale è la persona incaricata ad amministrare, gestire, controllare o dirigere tutta o in parte l’attività di altri a lui subordinati, in un’impresa, ente, organizzazione o attività.

domenica 27 maggio 2012

«Il concorso per presidi deve essere annullato»

di Antonella Fanizzi

BARI -  «Il concorso per dirigenti scolastici deve essere bloccato. Una delle commissioni esaminatrici ha al proprio interno un componente iscritto ad una associazione professionale, per questo incompatibile a farne parte. E, cosa ancora più grave, sui verbali redatti dalla commissione dell’aula 4 non è menzionata l’espulsione di un candidato, ammesso addirittura a sostenere gli orali».

Conferenza Nazionale per la scuola dei nativi digitali: Education 2.0 presenta le best practices delle scuole italiane

"Un nuovo alfabeto per l'Italia", Conferenza Nazionale per la scuola dei nativi digitali
25, 26 Maggio - Tempio di Adriano (Piazza di Pietra) Roma

Programma:

Premi ai ragazzi e alle scuole eccellenti. I migliori su Internet, stage nelle aziende

La mossa a effetto arriva all'articolo 3. Ogni scuola superiore sceglierà il proprio «studente dell'anno» tra quelli che hanno superato la Maturità con il massimo dei voti, 100 e lode. Ogni «studente dell'anno» avrà diritto a una «borsa di studio aggiuntiva» e alla «riduzione di almeno il trenta per cento delle tasse universitarie» per il primo anno accademico. Ma ci sono anche altre modifiche, come i test d'accesso per tutti i ragazzi che si iscrivono all'università. Non per estendere il numero chiuso a tutte le facoltà ma come strumento di «autovalutazione», per aiutare gli studenti a trovare il corso giusto lasciandoli liberi di iscriversi dove vogliono. Il «pacchetto merito» dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri venerdì prossimo. Quindici articoli, alcuni passaggi ancora da limare, qualche punto che farà discutere, il disegno di legge è stato illustrato dal ministro dell'Istruzione Francesco Profumo al capo dello Stato e agli esperti di alcuni partiti, a partire dall'Udc.

SITUAZIONE GRAVE MA NON SERIA……OVVERO I “CONTI DELLA SERVA”, UN PO’ BURLESQUE E UN PO’ SOBRI.

Qualche considerazione sul quadro macroeconomico, mi assumo ovviamente la responsabilità di errori o omissioni e chiedo benevolenza e comprensione prontissimo a rettificare.
-       Diciamo che il Pil dell’ITALIA è stimabile intorno ai 1.500 mld di euro, diciamo che secondo gli analisti, fatto  100 il PIL ITALIA nell’anno 2004 pre-crisi, oggi 2012 siamo a 87.  Secondo il FMI  ci sarà recessione fino al 2015, questo significa mediamente altri tre anni di recessione, cioè valore negativo del PIL, quindi nel 2015 quell’87 iniziale probabilmente sarà 80 rispetto al 2004, quindi nel 2015 facciamo rewind fino al 2004 (del resto il tempo è relativo..).

sabato 26 maggio 2012

La formula Krugman per uscire dalla crisi

di FEDERICO RAMPINI

 

Intervista al Premio Nobel diventato un "guru" per la nuova sinistra americana. "I governi devono spendere di più", come nel New Deal. C'è chi lo vede già prossimo segretario al Tesoro Usa, se Obama sarà rieletto. Ma lui dice: "Mi basta fare il castigatore delle idee sbagliate"


venerdì 25 maggio 2012

Concorsi a scuola meno anzianità e più merito

ANDREA GAVOSTO*

Caro direttore, alla fine del 2011 il ministro Profumo ha promesso nuovi concorsi per insegnanti, suscitando speranze nella scuola italiana. La prima è di ritornare, dopo tredici anni, a una situazione di «normalità» nelle procedure di assunzione in ruolo del personale docente (e la normalità già sarebbe una rivoluzione). La seconda è di cominciare a smantellare sul serio, e non soltanto a parole, il macchinoso e iniquo meccanismo delle graduatorie degli insegnanti precari (oggi dette «ad esaurimento»), fondate sul principio dell’anzianità di servizio, che in questi anni hanno di fatto sostituito i concorsi come unica porta di ingresso nella nostra scuola, creando lunghe code. La terza speranza, forse la più importante, è di ringiovanire il corpo docente. Oggi in Italia gli insegnanti con meno di 30 anni non raggiungono in nessun grado di scuola l’1%, contro medie Ocse fra il 10 e il 15%: bisogna rendere l’insegnamento di nuovo appetibile ai giovani laureati più brillanti ed evitare il danno irreparabile che - nella scuola non meno che in altri ambiti della società italiana - potrebbe scaturire dall’esclusione di una o più generazioni.

giovedì 24 maggio 2012

Continua la querelle dell'aula 4 Elena di Savoia di Bari

Denunce, dimissioni e sospetti di brogli: c'è un piccolo giallo nella procedura per il concorso da presidi (236 posti in Puglia) sulla quale da qualche giorno indaga la procura della Repubblica.
Interessanti i video di seguito riportati:

http://www.studio9tv.com/zoom.asp?id=2435&concorso-a-preside-tra-accuse-e-sospetti--un-giallo-al-quale-la-procura-dovr%E0-dare-risposte


Giovani matematici dall`Italia a Norimberga

di Dacia Maraini - Corriere della Sera - 22 maggio 2012 

La Germania è il Paese in Europa che più si interessa agli scrittori italiani. Pubblica con altrettanta passione conoscitiva gli anziani scrittori come me, come Camilleri, coi me Tabucchi, come Rosetta Loy, come De Luca, come Bermi, e nello stesso tempo i nuovi talenti come Michela Murgia, come Ammaniti, come Milena Agus, come Emanuele Trevi e tanti altri. Le università sono aperte alle discussioni letterarie. Le sale sono sempre affollate. È commovente la pazienza con cui ascoltano lunghissime letture fatte con voce atona da timidi e impenetrabili traduttori. Non per niente le conferenze qui le chiamano Lesung. E a volte si paga pure per ascoltare un`ora di lettura. Dimostrazione di un amore peri libri che sorprende e intenerisce. Il professor Bernhard Huss mi accompagna da Monaco a Norimberga lungo una bella strada che scorre fra fitte ali di boschi scurissimi, tagliati per traverso da lunghe strisce di un giallo abbagliante. Sembrano margherite e invece è il luppolo che serve a fare la birra.

mercoledì 23 maggio 2012

CONCORSO DS CALABRIA: USR RIDUCE I TERMINI DEI RICORSI AL TAR

L'USR Calabria pubblica in data 21 maggio 2012 un decreto di rettifica rispetto al decerto pubblicato 10 giorni prima. Cerchiamo di capire di cosa si tratta: il giorno 11 maggio 2012 l'USR Calabria pubblica il seguente decreto "ammessi con riserva"

Intervista a Giorgio Israel sui test Invalsi. "Metodo sbagliato, tutto da rifare"

di Luca De Carolis - Il Fatto Quotidiano - 20 maggio 2012 - pag. 11


Boccia i test Invalsi, nel metodo e (talvolta) nel merito. E smonta un luogo comune: "Dicono che all'estero si fa così. Ma la verità è che in tanti paesi stanno ripensando i test di valutazione". Giorgio Israel, 64 anni, è professore ordinario di Matematica all'Università "La Sapienza" di Roma, è stato anche con Mariastella Gelmini al Ministero dell'Istruzione.

SCUOLA. Spariranno i rappresentanti di classe?

23 maggio 2012
L'A.Ge. Toscana lancia una petizione contro le modifiche in vista

Dalla scuola stanno per sparire i rappresentanti dei genitori. A lanciare l’allarme è l’A.Ge della Toscana, che ha lanciato una petizione affinché non sia abolita la figura del rappresentante di classe. Sotto accusa è la proposta di legge 953, che mette in forse la partecipazione dei genitori al governo della scuola. La proposta di legge “Norme per l'autogoverno delle istituzioni scolastiche statali”, che ha per prima firmataria Valentina Aprea, va a modificare il decreto 297 del 1994.

Bertagna: pochi laureati? I nostri giovani sono "vittime" dei licei

Intervista a Giuseppe Bertagna - mercoledì 23 maggio 2012





Noi, che gli atenei li abbiamo inventati e vantiamo la più antica tradizione universitaria, arretriamo pure su questo fronte. Il Rapporto AlmaLaurea 2012 non lascerebbe adito a dubbi: tanto per cominciare, tra il 2004 e il 2011, in otto anni, c’è stato un calo delle immatricolazioni del 15%. Nella fascia di età compresa tra i 25 e i 34 anni, inoltre, solamente il 25% è laureato, contro il 37% della media europea.

25 maggio, presidio al MIUR dei precari della conoscenza

Il Coordinamento dei lavoratori precari della conoscenza FLC CGIL presenterà le proprie proposte al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

21/05/2012
 
Il Coordinamento nazionale dei lavoratori precari della conoscenza FLC CGIL indice un presidio al MIUR il 25 maggio 2012 alle ore 15, per protestare contro le politiche per l'istruzione e la ricerca del Governo e per consegnare al Ministero un documento con le proprie proposte per una nuova centralità del sistema della Conoscenza e per una valorizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori che da anni sostengono con le proprie competenze e le proprie capacità la scuola e l'università pubblica italiana.

martedì 22 maggio 2012

Concorso Ds in Puglia - Aula 4 “Elena di Savoia” – SECONDA PARTE

E come accade in tutte le storie importanti che si rispettino la “verità” ufficiale non si è fatta
attendere: “… Dai verbali redatti dal summenzionato Comitato sullo svolgimento delle prove scritte del 14 e 15.12.2011 (all. 2 e 3) risultano i candidati presenti, assenti e espulsi. Tra questi ultimi non risulta il nominativo del prof. XXXX XXXX, né v’è traccia dell’episodio denunciato. …”

Scuola, tutte le ragioni per bocciare i test Invalsi

di Marina Boscaino - 22 maggio 2012

Prendiamo la vicenda dei test Invalsi: un tema che sta tenendo banco da giorni sulla rete. Non pretenderò qui di entrare in dettagli tecnici, che lascio agli addetti ai lavori e che sono ampiamente trattati in interessanti interventi di tanti insegnanti. Il 9, l’11 e il 16 maggio sono state somministrate (a mo’ di medicinale) le prove Invalsi rispettivamente ad alcune classi della scuola elementare, media e superiore.

La campanella non suona per loro

di Elasti - D di Repubblica - 19 maggio 2012 - pag. 40

È una mattina uggiosa di un giorno feriale, in un parco cittadino. "Che tristezza. Non c'è nessuno", dice Erika. Già, non c'è nessuno. Del resto i bambini a quest'ora sono tutti a scuola, o all'asilo. No, non proprio tutti. I figli di Erika no. Loro, a scuola, non ci vanno e al momento sono i padroni assoluti e solitari dello scivolo e delle altalene. Erika e Matteo, suo marito, hanno deciso di non mandare i loro quattro figli a scuola e di occuparsi personalmente della loro educazione. Si chiama homeschooling o scuola familiare, si è diffuso a partire dagli anni 70 negli Stati Uniti, dove ha suscitato ampi dibattiti e dove, oggi, conta oltre 1,5 milioni di studenti, pari a circa il 3% del totale.

lunedì 21 maggio 2012

Aula 4 Elena di Savoia: cercasi testimoni

La redazione di RTS darà tutto lo spazio richiesto a chi volesse dare un proprio contributo per sbrogliare l'intricata matassa sull'espulsione del candidato Dirigente Scolastico eseguita il 14 dicembre 2911 presso l'ormai famigerata aula 4 dell'Istituto Elena di Savoia sito in Bari.
Un " Chi lo ha visto " sul concorso DS in Puglia

Aldo Domenico Ficara

Non lamentiamoci: dopo queste elezioni il peggio è alle spalle

di Curzio Maltese - il Venerdì di Repubblica - 18 maggio 2012 - pag. 11

Con tutte le perplessità sul movimento Cinque Stelle, ma soprattutto sulla figura di Grillo, non riesco a capire i commenti preoccupati, a volte cupi, seguiti alle elezioni. Personalmente, sarei andato volentieri in piazza a sventolare un tricolore. Da diciotto anni aspettavo il momento in cui l'Italia si sarebbe liberata da due dei peggiori figuri della storia repubblicana, Silvio Berlusconi e Umberto Bossi, e dalla sciagurata combinazione fra i due. Quel momento è arrivato e non si capisce come il futuro possa essere peggiore del passato prossimo. Peggiore di quel decennio di vergogna che sono stati gli anni Novanta.

domenica 20 maggio 2012

Sono e sarò sempre dalla parte di ciò che Melissa rappresenta.



In queste ultime settimane si sono intrecciate, nel mondo dell’istruzione, due episodi forti,  che hanno calamitato l’attenzione dei media nazionali ed internazionali. Episodi  che hanno per protagonisti due mondi e due modi di interpretare la vita molto lontani tra loro.

Una prof: la "grammatica" dell'Invalsi interessa gli studenti

di Germana Ricci - domenica 20 maggio 2012

Caro direttore,

ancora una volta gli alunni di seconda e quinta della scuola primaria e a quelli di prima della scuola secondaria di primo grado hanno affrontato le prove Invalsi.
Ormai le prove rientrano nella normale attività didattica, e ciò è dimostrato dalla quantità di materiale “per le prove Invalsi” riversato nelle scuole dalle case editrici. I ragazzi le affrontano senza porsi problemi, così come l’organizzazione rientra ormai nella normale attività degli istituti, anche perché novità dal punto di vista organizzativo non ce ne sono state.

sabato 19 maggio 2012

Lettera aperta al ministro Profumo sulle prove Invalsi

di Cosimo De Nitto e Vincenzo Pascuzzi - 19 maggio 2012
Gentile Ministro, 


le considerazioni che seguono si riferiscono alle prove Invalsi che si sono appena concluse.

Intervista puntuale. Il 15 maggio scorso - proprio il giorno prima delle prove Invalsi al superiore - il Corriere della Sera pubblicava una intervista a Roberto Ricci (Invalsi). Significativo il titolo tra virgolette «Misurare la scuola serve a migliorarla» e anche il sottotitolo con due frasi anch'esse virgolettate: «Gli insegnanti non abbiano paura dei test», «E' l'Europa che ci chiede di misurare la scuola».

Brindisi: atto sacrilego e indegno

di Lucio Ficara (La tecnica della scuola)
Un attentato dinamitardo ha colpito una “scuola”, provocando la morte di una ragazza di 16 anni, il ferimento grave di altri cinque studenti di cui una particolarmente grave, lotta tra la vita e la morte. La scuola che è stata oggetto di questo atto sacrilego e indegno, non si trova, come spesso la cronaca nella sua cruda quotidianità ci segnala, in  Afghanistan ma è una “nostra scuola italiana”.

Attentato di Brindisi, fiaccolate in tutta Italia – Ecco gli appuntamenti

Dopo il vile attentato di Brindisi arriva la reazione dei cittadini. Tante le iniziative che stanno nascendo spontaneamente in tutta Italia ma anche all’estero. L’elenco non è in ordine alfabetico quindi cercate bene la vostra città. Ecco le prime

ATTENTATO ALLA SCUOLA MORVILLO-FALCONE DI BRINDISI

venerdì 18 maggio 2012

RTS supera le 50mila visite



In poco più di quattro mesi dalla nascita il blog RTS supera le 50mila visite.
Un traguardo di visibilità che spinge tutta la redazione verso nuove sfide, cercando di coinvolgere il maggior numero di docenti, così come è auspicato dalla mission del blog. Un ringraziamento particolare va  a tutti i lettori, collaboratori ed amici che hanno reso possibile questo progetto di condivisione verso i problemi della scuola.

Aldo Domenico Ficara

Il piatto che non piace ai bambini


Alle polemiche sono abituato. Anche durissime: scrivo abitualmente di politica, di corruzione, di eversione, di mafia…Mai però avrei pensato di scatenare un dibattito così ampio e così aspro, scrivendo un articoletto sul cibo servito ai bambini nelle mense scolastiche di Milano: sono piovute centinaia di critiche feroci e centinaia di messaggi di sostegno e ringraziamento, commenti appassionati e contrapposti sono fioccati nel mio blog del ilfattoquotidiano.it e in altri siti.

giovedì 17 maggio 2012

Crisi: Profumo, Italia ha bisogno di giovani competenti e preparati

''In un periodo cosi' difficile per le famiglie e per i giovani, in cui tante voci incitano alla rassegnazione, bollando le ambizioni come atti d'arroganza e gli studi come sforzi inutili, e' particolamente confortante vedere che tanti cittadini, insieme alle loro famiglie, scelgono di continuare ad investire su se stessi e sulla formazione''.

mercoledì 16 maggio 2012

“Intervista all’on. Manuela Ghizzoni Vice-Presidente Commissione Cultura Scienze ed Istruzione Camera dei Deputati”

di Rosario Pesce

Una donna in piena e costante attività: eletta nel 2006 per la prima volta alla Camera dei deputati nella VII Commissione (Cultura, scienza e istruzione), ha ricoperto l’incarico di capogruppo del PD. Il suo impegno predominante è rivolto alla necessità di attribuire una maggiore centralità al sapere ed alla conoscenza, quindi con uno sguardo accurato al complesso mondo dell’istruzione: scuola, università e ricerca, editoria, sport, informazione e beni culturali. La sua attenzione si riversa principalmente sul ramo universitario perché si è occupata del reclutamento docenti e ricercatori, dell’accesso programmato ai corsi di laurea, della scuola relativamente ai finanziamenti alle istituzioni scolastiche, del precariato dei docenti, nonché delle professioni relative alle attività motorie e sportive e di disturbi specifici dell’apprendimento. Fermamente convinta che il sapere, l’istruzione e la formazione, sono le risorse strategiche decisive per lo sviluppo sociale, civile ed economico del nostro Paese.

martedì 15 maggio 2012

Proteste Invalsi: forse i “sindacati sono di troppo”?! Tutti o quali?

di Vincenzo Pascuzzi – 15 maggio 2012

Le considerazioni che seguono fanno riferimento all'articolo “ Prove Invalsi, Profumo, sindacati: chi è di troppo?” di Tiziana Pedrini (ilsussidiario.net – 15.5.2012).
Non possiamo non notare il tono allarmato, concitato, anche aggressivo dell'articolo. Ciò indica forse che l'autrice s'è alterata e ha perso le staffe. Parole e frasi scritte sembrano confermarlo. 

Già dal titolo “Profumo, sindacati: chi è di troppo?” ?! Si vogliono forse neutralizzare o far fuori i sindacati?! Tutti o quali? Poi, “dove si annidano i focolai della gloriosa rivolta” ?! Bisogna stanarli, neutralizzarli?! Pensarla diversamente dal Miur e dall'Invalsi e agire – in piena legalità – di conseguenza, è una “rivolta”?! E verso la fine, “l’abbraccio mortale con l’ambiguità dei sindacati”. No comment.

lunedì 14 maggio 2012

Rispondere alle ipotesi ASASI è un dovere civico



Rispondere all'ipotesi di annullamento delle 40 ore RLS, proposte sulla Letterina dell'ASASI, è un dovere civico, perchè tale ipotetico annullamento potrebbe coinvolgere, oltre tutti i lavoratori della scuola, anche molti giovani studenti, che ignari frequentano sedi scolastiche spesso al limite della idoneità strutturale.

Basta con i tagli nella scuola: ore e professori non diminuiranno

«La scuola ha già dato, ha già sofferto molto per i tagli orizzontali, adesso siamo impegnati in una fase di nuova crescita ed equità». La spending rewiew (le razionalizzazioni a cui il governo guarda come ad un modo concreto per tagliare gli sprechi) vista dal ministero dell'Istruzione, e in particolare dal sottosegretario Marco Rossi Doria che al Corriere della Sera racconta tutto il progetto per gli anni a venire e significa una cosa sola: non ci saranno altri tagli, «non nelle scuole e per le scuole, solo razionalizzazioni su immobili ad uso amministrativo, sugli affitti di sedi periferiche e uno sconto nella spesa delle scuole del 15 per cento acquistando il materiale e gli strumenti attraverso il sistema Consip messo in piedi proprio per ottenere riduzioni dei costi vivi». Un impegno che arriva nel giorno in cui il ministero fissa i nuovi tetti di spesa per i libri di testo: 380 euro per le superiori, mentre per le medie si potrà arrivare a 294 euro per le prime classi, 117 per le seconde e 132 per le terze.

domenica 13 maggio 2012

SCUOLA: ECCO COME SI SPRECA UN MILIARDO DI EURO

di ALESSANDRO SCOLARI - 13 maggio 2012

L’articolo che leggerete a seguire è una nostra rielaborazione di quanto si può leggere all’indirizzo Internet qui riportato:http://www.aetnanet.org/catania-scuola-notizie-2477582.html. Si tratta di una lettera scritta dal preside Alfonso Tripodi, non è riportato in quale scuola lo sia, ma fa parte della rete ASASI, una rete di scuole della regione della Sicilia.

TFR : ritenuta si o ritenuta no?

di Lucio Ficara
Al fine di interrompere qualsiasi limite temporale di prescrizione sulla dubbia ritenuta dell’opera di previdenza del TFR del 2,5% fatta sulle nostre buste paga, sarebbe conveniente fare una diffida in cui emerga l’illegittimità di tale ritenuta.

PRECARI A SCUOLA E NELLA VITA, L’ESPERIENZA CHE HA PORTATO ALLA NASCITA DELLE SESSIONI RISERVATE E DELLA GAE DELLA LEGGE 124/1999 RACCONTANTA DI CHI VI PRESE PARTE.

di Giamcarlo Memmo

PARTE QUARTA
Lo svuotamento della funzione docente procede, nella Scuola del Principe di Trastevere, di pari passo con la deconcettualizzazione e la confusione dei ruoli  scolastici.

sabato 12 maggio 2012

PRECARI A SCUOLA E NELLA VITA, L’ESPERIENZA CHE HA PORTATO ALLA NASCITA DELLE SESSIONI RISERVATE E DELLA GAE DELLA LEGGE 124/1999 RACCONTANTA DI CHI VI PRESE PARTE.

Terza parte

di Giancarlo Memmo

Si è ormai aperta una seria crepa strutturale nelle nostre convinzioni aprioristiche.
E’ chiaro che andrebbe scissa l’abilitazione all’insegnamento dalla gara per il posto, se ciò non avviene, e non avviene, si creano delle aberrazioni. Abbiamo cioè, ad esempio, persone che hanno superato il precedente concorso abilitante, ma non superano l’attuale, ve lo immaginate un medico o un ingegnere che è alternativamente abilitato  alla professione? Una grossa idiozia che però nella Scuola italiana diventa somma verità e perfezione.

Il tempo è una variabile necessaria per l’apprendimento

La parola tempo non è una parola qualunque, è la parola più usata nel nostro linguaggio comune ed ha un significato molto importante per l’economia della nostra vita quotidiana. Senza tempo non esisterebbe apprendimento, non potremmo avere coscienza di un evento, non saremmo in grado di misurare, valutare, riflettere.

venerdì 11 maggio 2012

PRECARI A SCUOLA E NELLA VITA, L’ESPERIENZA CHE HA PORTATO ALLA NASCITA DELLE SESSIONI RISERVATE E DELLA GAE DELLA LEGGE 124/1999 RACCONTANTA DI CHI VI PRESE PARTE.

PARTE SECONDA
Ora sul tavolo ci sono troppi assi, qualcuno sta barando, l’equità soffre, la ragione langue.
I consiglieri del Ministro, che non conoscono Mundell, non possono conoscere la regola aurea che l’economista aveva fissato: per un obiettivo almeno uno strumento. Ora se l’obiettivo è reclutare il personale docente lo strumento deve essere uno soltanto: quello del concorso. Se invece lo strumento permette di raggiungere svariati obiettivi, le convinzioni aprioristiche cominciano a vacillare seriamente. Ci si vuole far credere che lo stesso strumento, alternativamente il DdL 4754 ovvero il concorso ordinario, permetterebbe di stabilire chi sono i docenti, quali sono i posti da ricoprire, come risarcire i precari della scuola statale che avevano dei diritti, come soddisfare le aspettative dei docenti della scuola privata che vogliono entrare nella scuola pubblica, come creare una procedura statale efficiente che garantisca i diritti dell’utenza e gli obiettivi essenziali dell’Istituzione, infine, ultima non per ordine di importanza, una procedura che contribuisca a risolvere il problema delle aspettative occupazionali dei giovani compresi quelli del Sud. Al confronto il famoso aforisma Einaudiano sembra una cosa seria.

giovedì 10 maggio 2012

Il ministro Profumo, l'Invalsi, lo specchio e il termosifone

di Vincenzo Pascuzzi - 9 maggio 2012


Non è il titolo né di una storiella né di una barzelletta. Sono alcune considerazioni sull'Invalsi.

Partiamo dalla Francia. Il 6 maggio, il socialista François Hollande ha prevalso su Nicolas Sarkozy ed è stato eletto presidente. Nel programma di Hollande, due cose interessanti da segnalare. La prima è l'impegno prioritario (1) a potenziare la scuola con “60.000 posti di lavoro in più nelle scuole, tra insegnanti, educatori, psicologi e figure di sostegno, con un totale di 5,2 miliardi di euro investiti” (2). L'altra è la possibilità di andare in pensione a “60 anni per coloro che hanno iniziato a lavorare prima dei 18 anni e con i contributi in regola” (3).
Il confronto con l'Italia è spontaneo e istruttivo. Il precedente governo, con Gelmini, ha appena tagliato 8 mld, 81.120 docenti, 44.500 ata. L'attuale governo con Fornero ha portato l'età pensionabile a 66-67 anni! 


PRECARI A SCUOLA E NELLA VITA, L’ESPERIENZA CHE HA PORTATO ALLA NASCITA DELLE SESSIONI RISERVATE E DELLA GAE DELLA LEGGE 124/1999 RACCONTANTA DI CHI VI PRESE PARTE.

di Giancarlo Memmo

Pare che il Ministro Berlinguer passerà alla Storia, tra gli altri “meriti”, anche per colui che nella Scuola farà i “concorsi” cioè l’ultimo concorso ordinario, sembra inoltre che questo provvedimento, in parte legato alle sorti del Disegno di Legge 4754 (ex DdL 932), sia non solo atteso ma addirittura desiderato dal mondo della Scuola e invocato dal Sindacato. Non solo, ma in modo puntuale ciò rappresenterebbe, nell’ambito della Legge, il supremo interesse generale, oltre che un razionale criterio di efficienza e di equità per il reclutamento del personale. Il tutto naturalmente confermato dalla c.d. “opinione pubblica” degnamente rappresentata dalla Stampa nazionale, che presto iscriverà questo provvedimento nell’ambito del “pacchetto lavoro”, finalità prioritaria dell’attuale esecutivo.
 

mercoledì 9 maggio 2012

Danila Annesi: ” Il concorso per dirigenti scolastici va annullato e va chiesto il danno erariale”

” Il segretario nazionale del movimento “Risveglio e Liberazione Nazionale” , dott.ssa Danila Annesi, apprende con seria preoccupazione ed intende portare a conoscenza dei cittadini quanto denunciato  correttamente dall’Associazione Sindacale Anief, nella distrazione,però, di  quasi tutti gli altri sindacati del settore, in riferimento al concorso ordinario per dirigenti scolastici, in corso di svolgimento.

Concorso ds, dalla parte degli idonei: intervista a Canguro, del Forum Resistere al ricorso

Dopo i risultati delle prove scritte del Lazio la redazione di RTS vuole riproporre un'intervista fatta da un sito web Siciliano ad un idoneo alla prova preselettiva.

L’azione di informazione e coordinamento dei docenti idonei alla preselezione del concorso per dirigenti scolastici è stata svolta prevalentemente in rete, confermando che ormai sono molti i docenti consapevoli dell’importanza dei nuovi mezzi di comunicazione/collaborazione. Un ruolo decisivo è stato infatti svolto da Forum come Resistere al ricorso e Futuri DS della Piattaforma ConcorsoDS 2011 in cui un punto di riferimento, soprattutto per la sua competenza e disponibilità a mettersi al servizio della causa comune, è stato Canguro (nickname dell’infaticabile collega). Il nostro sito lo ha intervistato:

Applicazioni del decreto Brunetta

Tra Gelmini e Fornero, preferisco Don Milani

Una delle prime cose che dovrebbe fare la nuova maggioranza che prima o poi è destinata ad uscire dalle urne è certamente l’istituzione di una Commissione d’inchiesta sui danni fatti da Berlusconi al nostro Paese. E fra tali danni uno dei più cospicui e in certa misura irreparabili è costituito dal progressivo dissanguamento di  istruzione e ricerca pubblica.

Una lista che fa pensare

martedì 8 maggio 2012

Concorso DS: gli scritti dimostrano l’inefficacia della prova preselettiva



In una lettera inviata alla redazione di La Tecnica della Scuola una docente aspirante DS in Calabria, rivela che ha avuto modo di visionare i criteri di valutazione verbalizzati dalla Commissione (tra cui c’è anche quello di non correggere la seconda prova se la prima era stata insufficiente) e alcuni elaborati anonimi, fotocopiati da colleghi.


A margine del concorso, la voce di una docente che “sarebbe stata” una brava dirigente …

Parto dalla fine perché è l’occasione che mi spinge a  questo intervento, ma i motivi sono altri e sono rinvenibili nel percorso precedente.
In più di venti anni di insegnamento e quasi dieci anni di collaborazione con il dirigente, ho vissuto la scuola a tempo pieno: ho insegnato, ascoltato, osservato, progettato, scritto, agito, deciso, parlato e, soprattutto, ho imparato.

lunedì 7 maggio 2012

Concorso DS: il Lazio pubblica l'elenco degli ammessi all'orale



Nel Lazio sono stati ammessi all'orale 240 candidati, su 925 partecipanti alle due prove scritte. La percentuale di ammessi è pari al  25,95 %. Continuano le ammissioni con percentuali molto basse, ma questa volta il numero di ammessi all'orale supera quello dei posti disponibili ( 215 ),  anche se di sole 25 unità.

Profumo: “La lezione come si faceva una volta non è più sufficiente”

Il Ministro Profumo dichiara,  dalle colonne del Corriere della Sera, che « la lezione come si faceva una volta non è più sufficiente».

Aula Digitale: sperimentare un nuovo modo di fare scuola


Aula Digitale è il nuovo sito RCS Education nato per accompagnare i docenti nel loro percorso didattico annuale e per proporre e sperimentare un nuovo modo di fare scuola. È un ambiente per insegnare e imparare integrando contenuti cartacei e contenuti digitali secondo modelli e progetti che potenziano didattica e apprendimento.
Aula Digitale è un ambiente virtuale pensato per una scuola nuova che oggi non può prescindere dalle possibilità che offrono tecnologia, multimedialità, interattività e Web. La scuola sta cambiando. Con Aula Digitale il futuro è già in classe.

Sito Aula Digitale

Concorso DS: l’ombra dell’annullamento



Mentre le commissioni regionali stanno completando le correzioni degli scritti, con percentuali di ammessi alle prove orali sempre al di sotto del 50%, torna a far parlare di sé  il sindacato ANIEF, che tanto si era speso, dopo la preselettiva, sia al TAR del Lazio che  al Consiglio di Stato,  nel tentativo di far valere i presunti diritti offesi di migliaia di docenti esclusi,  da una prova offesa a sua volta dai  numerosi errori docimologici posti al suo interno.

Arriva il ministro Profumo, le scuole lo sanno e si fanno belle

di Vincenzo Pascuzzi e Lea Reverberi - 6 maggio 2012

Siamo ormai assuefatti al fatto che ogni istituto scolastico tenga, esaltando i dati positivi e tacendo sulle pecche, a promuovere un’immagine di sé che possa fargli guadagnare nuove iscrizioni.  Basta farsi una passeggiata in uno qualsiasi dei siti di cui le scuole si sono dotate (e dai quali, grazie a Dio, non trasuda l’odore dei gabinetti), per vedere aule tinteggiate di fresco, banchi nuovi fiammanti, finestroni schermati dal sole, lavagne multimediali, laboratori futuristici, palestre attrezzatissime, insegnanti sorridenti. Tanto che verrebbe voglia di mettere in palio un premio per chi, come gli antichi correttori di bozze delle case editrici, riesce a trovare il difetto sfuggito a tanta perfezione.

domenica 6 maggio 2012

Profumo: "Niente test per chi insegna da 3 anni"

I docenti con almeno tre anni di servizio ''saranno ammessi in aula'', a fine anno, al primo corso di tirocinio per conseguire l'abilitazione. A dirlo il ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo, in un'intervista al Corriere della Sera.

La scuola riparte dalla nuvola

di Pierangelo Soldavini - 6 maggio 2012


La scuola digitale del futuro non avrà più pareti. Perché l'aula sarà un luogo aperto dove si lavora insieme, professori e studenti, sfruttando la ricchezza del sapere condiviso nella rete per realizzare testi di studio anch'essi aperti al contributo di tutti. Con elaborati che poi vengono messi a disposizione di tutti gli altri, dentro e fuori lo stesso istituto, attraverso la "cloud", la nuovola informatica che permette di condividere tutto. 

Concorso DS: si ripete il teatrino del post preselettiva



Leggendo alcuni commenti sul web, dopo la pubblicazione dell’elenco degli ammessi alla prova orale della regione Puglia, si risente l’eco delle polemiche post prova preselettiva. Gli esclusi dubitano della regolarità delle procedure valutative, e sospettano un gran complotto politico sindacale, mentre gli ammessi sostengono la tesi della linearità procedurale che premia il merito e la preparazione. Molto eloquenti sono due commenti postati su un forum, molto conosciuto dagli addetti ai lavori.

L.S. TORRICELLI: BASTA IL PROFUMO

Francesco Profumo ha fatto visita alle scuole della capitale. Il 28 marzo è stata la volta del Liceo scientifico Evangelista Torricelli, Via Mattia Battistini 196, dove il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca si è trattenuto dalle 8,30 alle 9,30 per poi proseguire con i suoi impegni.

sabato 5 maggio 2012

Scolaresca anni 60

Ecco i 94 senatori che hanno votato contro i tagli alle pensioni d’oro – I nomi

Si riporta un articolo segnalato su Facebook e pubblicato sul sito web Il Post Viola:


Qualche giorno fa un fatto clamoroso ha scosso il Senato. Nella votazione sui tagli alle pensioni d’oro ai supermanager pubblici il governo (che voleva difenderle) è stato battuto grazie da un emendamento di Idv e Lega. Sorprendentemente, la maggioranza dell’Aula si è dichiarata favorevole ad intervenire sul trattamento pensionistico dei burocrati di Stato che oggi godono di stipendi favolosi e domani avrebbero goduto di pensioni altrettanto favolose. Ne abbiamo parlato qua. Forse, finalmente, si sono resi conto che in un momento in cui tutti gli italiani vengono a grandi sacrifici togliere qualche euro a boiardi di Stato, che oggi percepiscono, come il presidente dell’Inps o quello di Equitalia, stipendi fino a 1.200.000 euro all’anno (pagati da noi) sarebbe stato un atto minimo di equità.

venerdì 4 maggio 2012

La competenza: che vi sia, ciascun lo dice; cosa sia, nessun lo sa…

Nel lungo panorama gestito dai professionisti delle innovazioni didattiche, sempre presentate come risolutive dei problemi scolastici, arrivano oggi le competenze
25 Aprile 2012 | di Gianluigi Dotti

Insegno da 25 anni Letteratura italiana e Storia negli Istituti tecnici e in questo quarto di secolo ho vissuto diverse ''innovazioni didattiche'', di volta in volta presentate da ''specialisti delle metodologie'' che, dopo aver criticato i ''vecchi'' metodi utilizzati dagli insegnanti, indicavano le innovazioni come gli strumenti metodologici che avrebbero consentito di recuperare le difficoltà degli studenti nell'apprendimento delle diverse discipline. Ricordo la ''rivoluzionaria innovazione'' dell'unità didattica, la ''scoperta'' della ''programmazione per obiettivi'' (programmi e contenuti erano del tutto obsoleti). E poi vennero i ''moduli'', la ''personalizzazione del curricolo'' e il ''portfolio''.

giovedì 3 maggio 2012

Lauree facili

Tagli alla scuola, tre domande al ministro Profumo

di Marina Boscaino - 2 maggio 2012 

Proviamo a mettere in relazione tre notizie di strettissima attualità.

La prima. Venerdì 27 aprile: Francesco Profumo, ministro dell’Istruzione e dell’Università, in visita a Catania, in occasione del progetto “Smart City e Smart Communities”, ha dichiarato: “Non ci saranno più tagli alla scuola”. In riferimento al recente intervento del ministro dell’Economia – Vittorio Grilli – che, a Ballarò, sembrava far presagire qualcosa di diverso, Profumo ha aggiunto: “Se qualche collega di governo ha parlato di tagli, non si riferiva alla scuola, ma a qualcos’altro”.

Il ciclone “spending review” si abbatterà ancora una volta sulla scuola

(Articolo di Lucio Ficara 03 maggio 2012)
I meteorologi, ci stanno informando che il ciclone “spending review” ha preso una chiara direzione e colpirà la zona scuola, con tutte le immaginabili conseguenze nefaste.