sabato 30 giugno 2012

Concorso per dirigenti scolastici: ricorsi, brogli e conti che non tornano

Pubblicato in data 26/giu/2012 da orizzontescuolatv La video inchiesta di Daniela Sala sul concorso per diventare Dirigenti scolastici: numero dei posti disponibili inferiore a quelli banditi, ricorsi e ... cose poco chiare. Categoria: Istruzione Tag: concorsi Licenza: Licenza YouTube standard

Bocciare o non bocciare? Intanto il ministro Profumo vuole la scuola più moderna

di Vincenzo Pascuzzi - 30 giugno 2012

Pontremoli (Massa-Carrara). "Cinque bambini di prima elementare bocciati" (1). Questa notizia, dall'inizio di giugno, ha innescato un dibattito intenso, partecipato, potenzialmente utile e che ancora registra nuovi interventi e contributi.
L'intenzione di questo scritto è quella di tentare una sintesi e magari aggiungere qualche osservazione. Forse conviene prima tratteggiare lo sfondo, delineare la cornice in cui si parla di bocciare o non bocciare in prima elementare.

I pensieri impuri e anticostituzionali dei nostri politici

Reggio Calabria 30 giugno 2012 di Lucio Ficara   Una delle cose che tutti noi abbiamo  appreso  a scuola da ragazzi , è sicuramente l’art. 1 della Costituzione della Repubblica Italiana. Infatti  mentre un tempo questo tipo d’insegnamento era previsto durante l’ora di educazione civica inserita in una delle ore di Storia, oggi dovrebbe essere insegnato da tutti i docenti, attraverso quel filo conduttore e interdisciplinare che lega tutti gli assi culturali e che si chiama Cittadinanza e Costituzione.

venerdì 29 giugno 2012

Il DS autoritario condannato dal Tribunale del lavoro

Reggio Calabria 29 giugno 2012 di Lucio Ficara   Il Tribunale del lavoro di Rossano Calabro emette una chiara sentenza, depositata il 20 giugno 2012, contro la deriva autoritaria di un dirigente scolastico di un Istituto di scuola secondaria di secondo  grado. Si tratta di un’ evidente condotta antisindacale.

Più coraggio nelle scuole, firmiamo ciò che si scrive



In un articolo su OrizzonteScuola si può leggere quanto segue: “Egregio Signor Ministro, sono un’insegnante di Lettere, quest’anno impegnata negli esami di terza media: di conseguenza, ho somministrato e corretto le Prove Invalsi…….. In questa sede voglio invece soffermarmi su alcuni imperdonabili errori riscontrati nelle prove e nella griglia per la correzione: 1) L’esercizio D1b recita: Non ti preoccupare, ………………. detto io a Francesco che domani non vieni. I ragazzi erano chiamati a completare con una delle seguenti opzioni: glielo, gliel’ho, glielò. Il periodo “corretto” risulterebbe quindi: Non ti preoccupare, gliel’ho detto io a Francesco che domani non vieni. Tale periodo è completamente errato: la
resenza di un doppio complemento di termine (gli e a Francesco) nella stessa frase nonché di un complemento oggetto (il pronome lo) che anticipa la proposizione oggettiva (che domani non vieni) sono errori gravi, di quelli che si segnano con la matita blu
“.

Ora di religione, nuova intesa Cei-Miur

Il ministro Profumo e il cardinale Bagnasco hanno siglato un accordo che qualifica maggiormente gli insegnanti di religione

Redazione  Roma


«Un passo molto importante nelle relazioni tra la Repubblica italiana e lo Stato vaticano» e «un elemento di chiarezza per il procedere dei prossimi anni». Così il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha concluso la sua presentazione, nella sede della Cei a Roma, della nuova Intesa sull’insegnamento della religione cattolica nelle scuole.

giovedì 28 giugno 2012

RTS " linkato " dal portale Studenti.it

Il portale Studenti .it, progetto editoriale di Banzai Media srl. focalizzato sul settore dei nuovi media rivolti ai giovani, ha inserito nelle sue pagine un link diretto al nostro blog RTS:


http://dallarete.studenti.it/search/seconda-prova-maturita/bestof/news/


( seconda pagina su trenta: 2/30 )


Dal 1998   Studenti.it si occupa  di editoria web, contenuti editoriali e nanopublishing, realizzazione e costruzione di community online. Questo portale web è un universo di 12.000 articoli, 50.000 appunti validati, servizi come il Cerca Casa, il Cerca Lavoro, il forum con 2.400.000 messaggi. Tutto pensato per i ragazzi delle superiori, dell'università o alle prese con i primi passi nel mondo del lavoro. Un altro  piccolo traguardo per RTS che in questo modo consolida il suo Page Ranke in Google.


Aldo Domenico Ficara 

Taglio delle tredicesime nella scuola: gli ultimi saranno i primi



I dipendenti pubblici della scuola potrebbero subire sgradite sorprese  sul fronte delle tredicesime. Per il momento, occorre precisare, è solamente un’ipotesi che è presente sullo sfondo delle tante iniziative che il governo sta cercando di attuare.

Gelmini e Profumo, scambio di complimenti, i problemi della scuola pubblica sono ancora lì!

L'ex Gelmini promuove il "merito di Profumo"... e il Ministro Profumo ringrazia l'on Gelmini per l'ottimo lavoro svolto.
Ammetto che le premesse c’erano tutte e l’avevo anche scritto all’atto della sua nomina. Nelle sue interviste emergeva la volontà di cambiamento per la scuola pubblica.
Sono passati oltre sei mesi dalla nascita del governo Monti ma
 il Ministro Profumo ha disatteso tutti i buoni propositi e le aspettative di coloro che credevano nel cambiamento della scuola pubblica.
 

mercoledì 27 giugno 2012

I dolori della giovane Aprea

di Franco Labella - 26 giugno 2012

I “polli” non scelgono il pollaio in cui stare
Dopo i topolini è la volta dei “polli”. Non è che sia diventato animalista ma il fatto è che le metafore che si usano per la scuola hanno sempre più a che vedere col mondo degli animali piuttosto che con quello degli umani.

Le classi-pollaio è la colorita espressione che in tanti abbiamo usato per descrivere in maniera plasticamente efficace il sovraffollamento, pericoloso per la sicurezza e deleterio per la didattica, causato dai provvedimenti di taglio del ministro Gelmini.

martedì 26 giugno 2012

La scuola delle reggenze non si regge in pedi

di Lucio Ficara     Il DM 55 del 25 giugno 2012 ci propone con un chiaro quadro sinottico il numero di scuole sottodimensionate, che per il prossimo anno scolastico andranno in reggenza. In attesa dell'apposito regolamento di riorganizzazione dei  C.P.I.A. (Centri  Permanenti  Istruzione Adulti), le istituzioni scolastiche, da coprire con incarico effettivo, sono definite in  8.017 di cui 1118 di reggenza.

Maturità, terza prova scritta. Profumo: basta lamentarsi delle difficoltà

Terza prova scritta per i 500mila studenti alle prese con l'esame di maturità. Dopo il tema di italiano di mercoledì e la prova specifica per i singoli corsi di studio di giovedì scorso, questa mattina gli studenti hanno affrontato il cosiddetto "quizzone" multidisciplinare preparato da ciascuna commissione d'esame, che può contenere domande sia a risposta chiusa sia a risposta aperta, trattazioni sintetiche o esercizi. Superato il terzo scritto, sarà poi la volta degli orali.

Province o provincie: sono un purista, cosa ci volete fare



Sono stato  “ bacchettato “   da un attento lettore de La Tecnica della Scuola  sul termine province, da me volutamente scritto provincie con la “ i “, termine oggi in disuso ( Dizionario Zingarelli ),  ma in passato sicuramente in uso.  Nel mio articolo “ Se saltano le “ provincie “, saltano anche gli USP ? “ l’inserimento  della “ i “ è un preciso e voluto  riferimento alla prima versione  della Costituzione Italiana, dove detta parola è riportata come provincie. Il motivo per cui nella prima versione  della Costituzione Italiana fa bella mostra di sé il termine provincie è etimologico, infatti,  la parola “provincia” deriva dal latino, e al plurale riportava la " i ". 

lunedì 25 giugno 2012

Precedenza art .7 CCNI 2012-2013

Reggio Calabria 25 giugno 2012 di Lucio Ficara  In questi giorni  nei  vari ambiti territoriali provinciali stanno giungendo, copiose, le  domande di mobilità per sopraggiunta individuazione dei perdenti posto. Questi docenti possono avvalersi della fruizione della precedenza consentita dall’art.7  punto II del CCNI del 29 febbraio 2012.

Maturità 2012: studenti al quizzone pensando alla sfida calcistica Italia - Germania



Gli Esami di Stato 2012  giungono alla data della terza prova scritta, intrecciando le ansie di chi lo deve svolgere, con emozioni di tutt’altra origine, quella calcistica, quella degli europei di calcio, quelli della passata sfida vittoriosa con l’Inghilterra e della futura sfida con la Germania.

IO STO CON I MAGISTRATI DI FIRENZE, DI PALERMO E DI CALTANISETTA e con IL DALAI LAMA.

VOGLIO LA VERITA’ SULLE STRAGI DI FALCONE E BORSELLINO.
VOGLIO UN TIBET LIBERO.
VOGLIO UNA SOCIETA’ CHE ABBIA UN FUTURO DEGNO DEL MEGLIO DELLA TRADIZIONE DELL’UMANITA’.

Sento il bisogno civico di  manifestare il mio pensiero, come cittadino, come insegnante che crede nel suo lavoro - che parla ai ragazzi e spesso ai colleghi di "cittadinanza sociale", di Educazione Civica e vede con favore i "progetti delle legalità" (con tanto di magistrato antimafia a conclusione del progetto/dibattito con le scuole) - come insegnante di sostegno che prova a rendere agibili i diritti di integrazione delle persone disabili, vorrei sottolineare quanto segue:

domenica 24 giugno 2012

La scuola non abbandoni i più deboli

di Marco Rossi-Doria - 24 giugno 2012  

Caro direttore,
in pochi sanno che nel ministero dell’Istruzione c’è una meravigliosa biblioteca, che racchiude i tesori di 150 anni di scuola. Tra questi c’è un registro del 1944-45, di una scuola elementare di San Lorenzo, Roma. La maestra racconta nel diario di classe di tutti gli alunni che perde. Per fame, povertà, malattia. Della difficoltà di fare lezione d’inverno, con le finestre rotte dalle bombe. E della fatica di andare avanti tutti insieme.

sabato 23 giugno 2012

Aboliamo prof e titoli di studio

di  Carmelo Caruso 


«Eliminerei il valore, la valutazione e sostituirei i professori con i computer». Come si fa a chiedere ad Ottavio Cappellani, lo scrittore più irriverente della letteratura italiana di essere più istituzionale? «E premetto sono figlio di due professori, con un padre in passato preside…». In America lo considerano il nuovo Pietro Germi della commedia, lui prende spunto da tutte le contraddizioni della sua isola, meglio se della sua Catania, la «porta dove entrò per Brancati l’ironia che uccide»

Fiero di essere un prof terrone



Pochi giorni fa  sono stato al centro di una polemica sulle pagine del social network Facebook, accusato di non aver veicolato, sul sito siciliano AetnaNet.org (http://www.aetnanet.org/modules.php?name=News&file=print&sid=2476425 ),  riflessioni e ragionamenti leghisti,  contrari al fastidioso esodo di giovani insegnanti meridionali nelle protette valli padane.

venerdì 22 giugno 2012

Ecco le cifre del concorso-farsa. Se la spesa è a carico dei contribuenti

La prova per individuare 2.200 dirigenti scolastici viziata da errori nei test pre-selettivi che hanno originato migliaia di ricorsi

stima anief: Oltre un milione di euro per una procedura a forte rischio annullamento

giovedì 21 giugno 2012

Vogliamo una scuola equa, di qualità e pure con la .... moquette.

di Vincenzo Pascuzzi - 21 giugno 2012

Veramente interessante, chiarificatore, condivisibile l'articolo di Antonia Romano (1) che esplicita e spiega il suo “no alla scuola del merito” e che induce alcune riflessioni e integrazioni.
«Ritengo indispensabile andare verso una scuola di qualità, dove, per favore, siano bandite le parole “eccellenza” e “meritocrazia”. La scuola di qualità è una scuola equa, che fornisce a tutti strumenti per orientarsi nel mondo, per abitarlo con senso critico e con coscienza civile». A queste frasi, che racchiudono il senso dell'articolo, si potrebbe aggiungere che tutti gli istituti scolastici dovrebbero essere totalmente a norma, con aule capienti, adeguate ed attrezzate, bagni civili, puliti e sorvegliati e magari avere anche la .... moquette nei corridoi, musica di sottofondo e anche l'aria condizionata durante gli esami. E ciò non per paradosso irridente o assurdo, ma per dire che le scuole dovrebbero essere luoghi ben accoglienti, funzionali, gradevoli, dove è piacevole recarsi, stare, lavorare ed è più facile, meno faticoso anche insegnare e imparare. Insomma scuole che tengano conto, in modo virtuoso, della c.d. "teoria del vetro rotto" (2).

Calabria: elenco sedi di dirigenza vacanti e disponibili - A.S. 2012/2013

1 IIS LC - LS "V. JULIA" ACRI - CS
2 IIS "IPSIA-ITI" ACRI - Cs
3 IC "MAMELI" AMANTEA - Cs
4 IIS "LS-IPSIA" AMANTEA - Cs
5 IC BELMONTE CALABRO - Cs
6 IC CASTROLIBERO - Cs
7 LS "E.MATTEI" CASTROVILLARI - Cosenza
8 IPSAR CASTROVILLARI - Cosenza
9 IC CS V "D. MILANI-DE MATERA" COSENZA
10 LC "TELESIO" COSENZA

Esami di stato 2012: soluzione della prova di matematica




La prova di matematica di oggi, 21 giugno 2012, prevede che gli studenti del liceo scientifico risolvano uno dei due problemi proposti e poi si misurino con i quesiti, rispondendo correttamente ad almeno cinque su dieci. Uno dei problemi, come di consueto, riguarda lo studio delle funzioni, mentre l’altro è incentrato sulla geometria analitica e le trasformazioni. Quanto ai quesiti, invece, nascono da argomenti teorici oppure sono fondati sulla richiesta di effettuare dimostrazioni.
Il primo problema di matematica della Maturità  chiede infatti di studiare due funzioni di cui la prima è il valore assoluto di una cubica e la seconda è un seno, mentre il secondo problema si incentra sull’analisi di una porzione di piano che contiene una circonferenza, un arco di circonferenza e un arco di parabola.

mercoledì 20 giugno 2012

Problemi tecnici su modulo ”Accesso Login” di Commissione Web

Reggio Calabria 20 giugno 2012 di Lucio Ficara    Da esperto informatico  e  funzione strumentale “Gestione Sito Web” della mia scuola, con esperienza decennale sulla creazione e gestione di siti scolastici, ho rilevato un problema tecnico, non di poco conto, sul modulo Accesso Login e Logout  di “Commissione web”.

Prova di italiano: Le responsabilità della scienza e della tecnologia

DOCUMENTI

«Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un’autentica vita umana sulla terra.» Hans JONAS, Il principio responsabilità. Un’etica per la civiltà tecnologica, Einaudi, Torino 1990 (ed. originale 1979)

Nomine all'INGV: il merito tradito



Un gruppo di circa 400 ricercatori precari dell'INGV ( Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia )  ha sollevato il caso delle modalità con cui è avvenuta la  assuzione del loro  capo ufficio stampa, viste le sue performance in diversi film erotici,  fra i cui titoli si segnalano "Una donna da guardare", "La carne" e "Corti circuiti erotici Vol. 2" di Tinto Brass.

Il “de profundis” dell’autonomia scolastica

Reggio Calabria 20 giugno 2012 di Lucio Ficara     Per sanare il diritto Costituzionale della progressione di carriera legata agli scatti di anzianità, il Miur avrebbe deciso di coprire gli scatti di anzianità maturati nel 2011, recuperando ingenti risorse dai fondi d’Istituto. Si sta celebrando , nell’indifferenza generale e senza capirne le reali conseguenze il “de profundis” dell’autonomia scolastica.

martedì 19 giugno 2012

Sulla scuola tregua Stato-Regioni

di Valeria Uva - 18 giugno 2012


Si attenua il conflitto tra Governo e Regioni sull'accorpamento delle scuole. A smorzare l'impatto della sentenza della Consulta che ha dichiarato incostituzionale la norma del decreto Tremonti che imponeva di accorpare le scuole (materne, elementari e medie) sotto i mille alunni, sono per prime le Regioni che hanno promosso il ricorso alla Corte.

Concorso DS: richieste di annullamento



In attesa della fatidica data del 22 novembre 2012, giorno in cui si entrerà nel merito sugli errori docimologici della prova preselettiva nel concorso DS, si evidenziano due voci su tutte nel richiedere,  a chi ha il potere di bloccare l’intera procedura concorsuale, di farlo ed in fretta.

Adeguamento dell’organico 2012-2013 alla situazione di fatto

Reggio Calabria 19 giugno 2012 (di Lucio Ficara)  Completate le operazioni sugli organici di diritto del personale docente per l’anno scolastico 2012-2013, si procede speditamente per gli adeguamenti organici alle situazioni di fatto.

Dove sono depositati i plichi telematici di riserva?

Reggio Calabria 19 giugno 2012  (di Lucio Ficara)  Il conto alla rovescia è incominciato mancano appena 24 ore all’ora x, e poi scatta, codici segreti permettendo, il download delle tracce di Italiano. L’ormai noto plico telematico si trova depositato in una stanza bunker dove c’è un server contenente esclusivamente le prove d’esame di Stato, in questa stanza hanno accesso solo otto esperti informatici, che controllano che tutto vada per il verso giusto.

lunedì 18 giugno 2012

Messaggio agli studenti del Ministro Francesco Profumo per gli esami scolastici

Care ragazze, cari ragazzi,
so che avete studiato tanto nel corso di quest’anno scolastico, che ora siete forse un po’ agitati e che non vedete l’ora che arrivino presto le meritate vacanze. Ma vi assicuro che i giorni che vi apprestate a vivere sono per voi unici. Sono giorni che non dimenticherete nel corso della vita.

Come si crea una traccia per la Maturità?




Caricato da in data 15/giu/2012

Il valore degli esami di maturità nella giungla delle valutazioni

di Giorgio Israel - 17 giugno 2012


Tornano gli esami di maturità e torna l’annosa e irrisolta questione: la disparità di giudizi che rende inconfrontabili i titoli ottenuti. I singoli insegnanti, le singole scuole danno degli alunni valutazioni diverse (di maggiore o minore manica larga), il che incide sul voto di maturità, il quale incide sulla scelta del percorso universitario, il quale è, a sua volta, caratterizzato da larghe disparità di valutazione, per cui i titoli con cui il giovane si presenta sul mercato del lavoro non sono equivalenti, e spesso non riflettono le sue effettive capacità.

domenica 17 giugno 2012

Il centrosinistra è morto

di Giorgio Cremaschi - 13 giugno 2012


In fondo dobbiamo ringraziare Monti per aver convocato un vertice di sostegno al governo con ABC. Sarà così ancora più chiaro, anche a coloro che nella sinistra, nei sindacati e nei movimenti non riescono o non vogliono capire, che la maggioranza che governa è quella di Monti, Bersani, Berlusconi e Casini, protetti ed ispirati da Giorgio Napolitano.

sabato 16 giugno 2012

Scatto negato danno procurato

Reggio Calabria 16/06/2012 (di Lucio Ficara)  Il mancato ripristino degli scatti di anzianità a tutto il personale della scuola che li avrebbe dovuti  maturare nel corso dell’anno 2011  procurerebbe  un danno non solamente dal punto di vista economico- stipendiale, ma anche sotto l’ aspetto puramente giuridico , infatti questo mancato impegno di sblocco degli scatti di anzianità, sarebbe causa della non riconosciuta validità dell’anno 2011 ai fini delle progressioni di carriera di tutto il personale della scuola.

Un "non scienziato" alla guida dell'Ingv. Ironia sul web, polemica tra i ricercatori

di Pubblico

Massimo Ghilardi, 49 anni, vanta nel curriculum una laurea in Sociologia della politica, un titolo conseguito all'Isef e risulta iscritto all'albo dei promotori finanziari. Il 12 giugno il Cda dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia lo ha scelto come nuovo direttore generale. La Rete e gli esperti sono critici.

venerdì 15 giugno 2012

Quarta fascia : rientra dalla finestra ciò che era uscito dalla porta

Reggio Calabria 15/06/2012 (di Lucio Ficara) Con l’art. 1 comma 1 del D.M. 53 del 14 giugno 2012, ritorna a far capolino una vecchia conoscenza: la quarta fascia. Non si parla esplicitamente di quarta fascia, ma di fascia aggiuntiva alla III fascia delle graduatorie ad esaurimento costituite con D.M. 44 del 12 maggio 2011.

Una prof: ecco perché dico no alla scuola del merito

di Antonia Romano - venerdì 15 giugno 2012



Caro direttore,
leggo e ascolto sempre più frequentemente autorevoli interventi sulla meritocrazia e sull’eccellenza. Ma cosa è il merito? Qual è il profilo professionale di un insegnante? Cosa caratterizza un “bravo insegnante?” Ha senso ragionare sulla valutazione degli insegnanti in servizio senza porre alcun pensiero intelligente sui meccanismi di reclutamento del personale? L’ultima trovata del Tfa la dice lunga sull’assenza di tale pensiero. E poi, chi valuterà il merito degli insegnanti? I soliti superesperti superpagati? I cattedratici universitari?

giovedì 14 giugno 2012

Rossi-Doria e la discussione sul “pacchetto merito” del ministro Profumo

di Vincenzo Pascuzzi – 13 giugno 2012

Una buona notizia. Marco Rossi-Doria, sottosegretario al Miur, vede di buon occhio, apprezza i dibattiti, così dichiara dalle colonne dell’Unità di oggi “I soldi per la scuola sono soldi per la crescita“ (1). Oltre che buona, la notizia promette possibili, positivi ed utili sviluppi. Allora conviene assecondare e cogliere questa disponibilità esternata.

Cari prof, negli scrutini a esser valutati siete voi

di Gianni Zen - giovedì 14 giugno 2012


Finita la scuola, è l’ora degli scrutini. Cioè è l’ora della valutazione finale per la maggior parte degli studenti. Per i ragazzi delle terze medie e delle classi quinte ci sono gli esami, con la valutazione finale solo posticipata, per questi studenti, di qualche settimana. Per tutti, comunque, è questo il tempo della valutazione, cioè della misurazione dei risultati di apprendimento, ma anche del servizio di qualità delle scuole.

mercoledì 13 giugno 2012

COME DISTRUGGERE LA PIANTA ORGANICA E VIVERE FELICI E CONTENTI

(di Giancarlo Memmo)

Tutti quelli che si sono avvicendati in Viale Trastevere hanno avuto come “mission”, implicita ed esplicita, quella di “superare l’attuale pianta organica” dei dipendenti della scuola, insomma siamo ai luoghi comuni spesso improvvidamente evocati da qualche collega e che si rifanno alle teorie generali del “siamo troppi”, nelle varianti “troppi per poter concedere gli aumenti” oppure “troppi per poter assumere ancora”…il reverendo Malthus ci sorride…e naturalmente strizza l’occhio al “darwinismo sociale” che mi pare la sola lettura “efficientista” che il “Dio mercato”,che è noto è stato fatto a immagine e somiglianza di un banchiere, può accettare.

Benedetti i soldi per la scuola

I soldi per la scuola son soldi per la crescita.
di Marco Rossi Doria – L’Unità - 13/06/2012

La scuola è tornata in prima pagina con un dibattito in campo aperto sul tema del merito. Di questo va dato atto al ministro Francesco Profumo, che ha avviato questa importante discussione. A maggior ragione perché non sono scese in campo le solite squadre del pro e del contro, ma tante interpretazioni della parola «merito» nel contesto della scuola. Il nostro faro è l’articolo 34 della Costituzione.

La scuola educa anche attraverso la selezione

Col termine dell’anno scolastico e l’avvio degli scrutini e degli esami finali, gli studenti e le famiglie sono in molti casi in trepidante attesa di conoscerne gli esiti. Si ripresenta, quindi, il problema della valutazione e della selezione ovvero della meritocrazia. Discutere di voti, però, non equivale a discutere di bocciature anche se la discussione sui voti diventa distorta proprio per le implicazioni sulle ipotetiche bocciature.

martedì 12 giugno 2012

La funzione perduta dell’insegnante

di Carlo Bordoni | 12 giugno 2012

Tempo di esami. Tempo di bilanci per la scuola. Ma quanto è critica la sua condizione? Parliamo di metodo. Siamo in Europa, usiamo una moneta comune, ma continuiamo a studiare solo la letteratura italiana. Viviamo in un mondo globalizzato e continuiamo a studiare la storia dal nostro punto di vista. Seguendo l’idealismo ottocentesco si studia la storia dell’arte, ma non l’arte; la storia della filosofia, ma non la filosofia. Una didattica basata su principi mnemonici, angusti, separati gli uni dagli altri, come se la conoscenza procedesse per compartimenti stagni. Ignorando, come ha ben spiegato Edgar Morin, in che modo è fatto il nostro cervello, che procede per collegamenti trasversali, intuizioni, connessioni, sinapsi, logiche sfuggenti, emozioni.

«Giusto premiare il merito ma la scuola sia per tutti»

Di  Mariagrazia Gerina
12 giugno 2012


C’è una rivoluzione che non può essere interrotta. «Si chiama scuola di tutti», scandisce l’ex ministro dell’Istruzione, Luigi Berlinguer, ora europarlamentare del Pd. Uno che non teme di dover andare controcorrente, se ce ne è bisogno. «Il merito è di sinistra, è vero», ribadisce. E però, dopo aver letto come il suo “successore” Francesco Profumo (GUARDA LA VIDEO-INTERVISTA) intende promuoverlo, prova a dare qualche suggerimento: «Va benissimo voler premiare chi è bravo purché non sia un ritorno al bel tempo andato, quando Berta filava e i tre quarti degli adolescenti venivano tagliati fuori dalla scuola».

lunedì 11 giugno 2012

RTS: raggiunta quota 200 like in Facebook


Oggi, 11 giugno 2012 la pagina Facebook del nostro blog raggiunge in Facebook quota 200 like, in altre parole a 200 persone piace " Regolarità e Trasparenza nella Scuola ". Questo primo significativo traguardo incoraggia il percorso comunicativo iniziato il 9 gennaio 2012, all'indomani di una indimenticabile riunione di redazione del portale di informazione scolastica AetnaNet.org.

domenica 10 giugno 2012

Pacchetto merito. Profumo e Rossi-Doria, la strana coppia – 2

di Vincenzo Pascuzzi – 10 giugno 2012

Questa volta però Profumo e Rossi-Doria operano all’unisono, in sinergia. E’ di domenica scorsa, 3 giugno, l’intervista con titolo in prima pagina (quindi non inaffidabili indiscrezioni giornalistiche) del ministro Profumo a Repubblica con l’annuncio della sua riforma e del “pacchetto merito”, con premi ai migliori, ai meritevoli, alle eccellenze. Immediate, numerose, autorevoli le critiche, tanto che il ministro ha dovuto fare brusca e rapida retromarcia. E lo ha fatto con una lettera di chiarimenti, spiegazioni e scuse diretta ai sindacati. La lettera, di lunedì 4 giugno, presenta qualche anomalia: non indica le sigle dei destinatari, esordisce con un insolito e ambiguo “Care colleghe e cari colleghi”, sembra pervasa da urgente necessità di rimediare. Poi per tutta la settimana si sono susseguiti articoli e prese di posizione, in prevalenza contrari e sui quali il Miur dovrebbe riflettere e meditare.

sabato 9 giugno 2012

Pensavamo fosse merito………….invece era un calesse

Reggio Calabria 09/06/2012 (di Lucio Ficara)
Per comprendere le aspettative tradite, l’idea irrealizzabile e fortemente demagogica, ci piace utilizzare il termine “calesse” , come oggetto materiale che si contrappone al senso profondo e spirituale del termine “merito”.  Bisogna avere il coraggio e l’onestà intellettuale di dire le cose come stanno, senza fare della facile demagogia.

Scuola, caos dopo il no agli accorpamenti “Per il Lazio è tardi, istituti ora già uniti”

SARA GRATTOGGI
--------------------------------------------------------------------------------

QUINDI È di nuovo caos sui “maxi istituti” che dal prossimo settembre accorperanno scuole materne, elementari e medie. Giovedì scorso, dopo il ricorso di sette regioni (Toscana, Emilia-Romagna, Liguria, Umbria, Sicilia, Puglia e Basilicata), la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima da parte
dello Stato l’imposizione del numero minimo di mille alunni per questi istituti comprensivi — obbligo previsto dalla manovra estiva 2011 per ragioni di risparmio — perché una tale decisione sulla rete scolastica sarebbe invece spettata alle Regioni.

venerdì 8 giugno 2012

Il Tar contro il Brunetta-pensiero

di Marina Boscaino - 7 giugno 2012

Un’ordinanza cautelare del Tar della Toscana di questi giorni esprime un significativo e importante punto di vista su un problema che a diverse riprese si è presentato nelle scuole negli ultimi anni. Il Tar ha riconosciuto le prerogative degli organi collegiali contro le pretese manageriali del dirigente scolastico.  Di cosa si tratta?


giovedì 7 giugno 2012

Profumo e il merito a numero chiuso



Le anticipazioni non lasciano spazio a dubbi. Il ministro Francesco Profumo imbocca  la strada dell’eccellenza” per riformare scuola e università, introducendo premi riservati al 5% degli studenti e al 20% dei docenti più “meritevoli”. Alle accuse di elitarismo ha risposto: Dare un riconoscimento a chi eccelle vuol dire mettere i meritevoli al traino dell’intera classe e innalzare il livello medio”. Sembra vero: ma lo è? Lasciamo da parte gli evidenti problemi di classificare le persone e proviamo a pensare: cosa succede all’ambiente di studio e di lavoro se i premi sono riservati al massimo a uno studente su venti e a un docente su cinque?

mercoledì 6 giugno 2012

ZEUS: nuovi contenuti digitali per la scuola

Vice Presidente Regione Toscana a Ministro Profumo: "arretratezza nella sola visione competitiva della scuola"

Agipress - “Non ho nulla contro il merito nella scuola, ma credo che le strade per arrivarci con il minor danno collaterale possibile siano legate alla cooperazione, non alla competizione”.

Così Stella Targetti, vicepresidente di Regione Toscana con delega all’Istruzione nonché coordinatrice dei colleghi assessori regionali in Conferenza Regioni.


martedì 5 giugno 2012

La Tecnica della Scuola su Wikipedia

 

La Tecnica della Scuola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La tecnica della scuola è una rivista quindicinale italiana dedicata al mondo della scuola, dell'istruzione e della didattica fondata a Catania nel 1949.

Questioni di merito

Tutti i topolini partoriti dalla 'montagna' Profumo

di Franco Labella - 5 giugno 2012
E la montagna partorì un topolino…

A dire il vero le premesse c’erano tutte e l’avevo anche scritto all’atto del suo insediamento a Viale Trastevere. Interviste, interviste , interviste. Sono passati oltre sei mesi dalla nascita del governo Monti ma del nuovo ministro si conoscono, al momento, piu’ che i provvedimenti le interviste. Almeno una al mese ai grandi quotidiani nazionali. Aprile: intervista al maggior quotidiano economico e l’idea è di introdurre l’Educazione finanziaria in ogni ordine di scuola.

Basta una spruzzatina di profumo?

di Maurizio Tiriticco - Lun, 04/06/2012 - 14:19

Ma perché i nostri ministri pensano sempre “in piccolo”? Possibile che l’ultimo ministro che ha pensato “in grande” è stato Giovanni Gentile? Seguito – è vero – da due ambiziosette… Moratti e Gelmini… ma solo il primo ha lasciato un segno che ancora non riusciamo a doppiare!!! Ma perché i nostri ministri “maschi” PI si sentono sempre ministri a tempo? Perché non guardano un po’ più lontano dal loro naso? Lo so! Il momento è grave e non c’è una lira, ma quel poco che si può spendere è proprio necessario sperperarlo in medagliette per i primi della classe? Ho già scritto su FB che premiare i migliori quando uno stadio è impraticabile equivale a promuovere gare di cui già si sa chi sono i vincitori! Io penserei allo stadio prima che agli atleti! E' come dare una medaglia a chi è sopravvissuto alla mitraglia nemica! Si premia il vivo e non si contano i morti! Per loro c'è sempre un bel Vittoriano! Ad perpetuam rei memoriam! Così va il mondo, anche con un governo tecnico...

lunedì 4 giugno 2012

Leggere, scrivere e interpretare la scienza nel web

Una esperienza presentata al 2° convegno di Education 2.0 che mette al centro lo studente ricercatore, divulgatore, produttore e scienziato.


Il web 2.0 opera come una sorta di regolatore di processi generati dal basso, impreziosendo il ruolo del docente quale attore della formazione. Questa didattica innovativa è un qualcosa che si aggiunge alle attività di una scuola sistemica, dove le sperimentazioni non distruggono, ma integrano le pratiche didattiche consolidate nel tempo dalla esperienza professionale del docente. L’ottimizzazione di questa integrazione didattica si ha nel momento in cui coincidono le competenze di docenza e le abilità di comunicatività nel web, in altre parole nel binomio docente-blogger, che ha maggior incisività programmatica quando il docente amministra un blog di rilevanza nazionale (misurabile sulla Rank Page Google), condividendo un know-how specifico con il maggior numero possibile di utenti.

Continua a leggere in Education 2.0

Studiare per un pezzo di carta che non c’è



La notizia, diffusa qualche giorno fa, sul fatto che l’'ufficio scolastico regionale per la Campania è in forte ritardo nella  consegna delle pergamene per i diplomi di maturità, riporta alla ribalta la questione sulla validità legale del titolo di studio. Infatti, dal punto di vista dell’efficacia giuridica, il possesso di un titolo di studio con valore legale, nel nostro ordinamento,  è  una condizione necessaria per il proseguimento degli studi nel sistema scolastico o accademico nazionale, per l’ammissione ad esami di Stato finalizzati all’iscrizione ad albi, collegi ed ordini professionali, per  la partecipazione a concorsi banditi dalla pubblica amministrazione ed infine per l’inquadramento in precisi profili funzionali lavorativi.

Fragoroso .... coming out del ministro Profumo sul merito a scuola

di Vincenzo Pascuzzi - 4 giugno 2012

Merito e scuola, anzi "pacchetto merito" e scuola, da ieri i commenti numerosi e autorevoli evidenziano l'incauta, presuntuosa e solitaria iniziativa del ministro Profumo. Senza duplicare, qualche ulteriore osservazione può essere proposta.

"Bene, ma non basta ritorniamo a investire sul futuro dei ragazzi"

Il sottosegretario Rossi-Doria: i più poveri a rischio abbandono.

la Repubblica - 4 giugno 2012

Però vorrei ricordare che per la prima volta dopo sette anni [?!] non ci saranno tagli. Si è fermata la contrazione

ROMA - Quell´icona, maestro di strada, conquistata recuperando ragazzi alla scuola dell´obbligo, nei Quartieri spagnoli di Napoli, ora Marco Rossi-Doria deve mantenerla in vita a fianco del ministro del merito, Francesco Profumo. Non è cosa semplice. Si rischia, da sottosegretario all´Istruzione, di un governo tecnico, di mettere in discussione una vita e cento parole spese «per chi è stato sempre sutta (sotto)».

domenica 3 giugno 2012

Profumo, premieremo studenti e docenti migliori

''Dare un riconoscimento a chi eccelle vuol dire mettere i meritevoli al traino dell'intera classe e innalzare il livello medio''. Il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo, intervistato da Repubblica, ribadisce l'obiettivo del governo e del suo dicastero: ''migliorare il livello medio del paese'', tenendo ''insieme solidarieta' e merito''.

Scuola e Bocciatura: botta e risposta sulla rubrica " i lettori ci scrivono " de La Tecnica della Scuola

Scuola e Bocciatura

Carissimo Ministro Profumo, carissimi Colleghi, carissimi Genitori,

in un periodo così difficile in cui la coesistenza della crisi di valori e la gracilità di quella magnifica "finestra sul mondo" costituita dalla Cultura, vorrei sottolineare un punto nevralgico del nostro sistema scolastico e in particolare delle critiche,spesso, mosse nei riguardi degli alunni italiani:dalle prove Invalsi, ogni anno, emergono quadri sconcertanti riguardanti il livello qualitativo della Nostra scuola.
Molti colleghi, specie delle Superiori, si ritrovano a dover impostare le proprie lezioni a partire dalla "frase minima", dalla differenza tra "verbo e congiunzione"; si vedono costretti a ricominciare dalle"moltiplicazioni e "divisioni" trascurando un Programma che di norma dovrebbe essere un PROSIEGUO, delle conoscenze maturate negli anni pregressi.

sabato 2 giugno 2012

Il TAR della Toscana riconosce le prerogative degli organi collegiali della scuola contro le pretese manageriali del Dirigente Scolastico.

Il fatto: il Consiglio di Istituto del Galluzzo, in conformità all’art. 10 del T.U. n. 297/94, aveva deliberato i criteri generali per la formazione dell’orario della scuola secondaria di primo grado, confermando per l'anno scolastico prossimo l’orario differenziato con due sezioni con l’orario su sei giorni le le altre con l’orario su cinque giorni con il sabato libero.

L’andamento del concorso per dirigente scolastico





In 15 regioni le commissioni esaminatrici hanno reso noti gli elenchi dei candidati ammessi alle prove orali, e hanno iniziato o stanno per iniziare tali prove. Notevole è il numero delle commissioni d’esame nelle quali sono state effettuate sostituzioni di commissari. Manca l’esito delle prove scritte dei candidati di Abruzzo, Campania e Sicilia: 2.770 candidati, più quelli che i tribunali amministrativi regionali hanno a ammesso agli scritti con riserva). (Fonte: Aldo Domenico Ficara - La tecnica della scuola – 25 maggio 2012)

DOPO L’AVVENTO DEL GOVERNO DEI TECNICI, AVREMO LA FUGA DEI TECNICI?...FORSE LA “MUTAZIONE” DEI TECNICI.

La Fornero ieri  al TG la7 ha detto, dopo i dati macroeconomici poco rassicuranti, che "se la riforma del lavoro non darà i suoi frutti...(udite, udite) torneremo indietro"....quindi ne deduciamo che sarà tutta una cosa di pochi mesi.
Diciamo che dopo l'avvento dei tecnici avremo la fuga dei tecnici?


venerdì 1 giugno 2012

DA 'CIVILTÀ CATTOLICA' UN APPELLO PER L'INSEGNAMENTO DEL GRECO E DEL LATINO

da Tuttoscuola, 31.5.2012
"E' opportuno che nella scuola italiana si continui a educare gli studenti alle lingue classiche (greco e latino), senza le quali sarebbe indiretto e superficiale l'accesso alla necessaria conoscenza del patrimonio dell'identità e della cultura dell'Occidente". Lo afferma "La Civiltà Cattolica", l'autorevole rivista della Compagnia di Gesù, le cui bozze sono riviste dalla Segreteria di Stato della Santa Sede, in un articolo che apparirà sul prossimo fascicolo a firma del padre gesuita Giandomenico Mucci.