domenica 27 gennaio 2013

Concorso DS in Sicilia: commenti su Mininterno

Da: Di Aldo Ficara25/01/2013 21.41.07
Ultimamente sono accaduti episodi poco trasparenti che hanno interrotto attendibili canali di informazione nel web riguardanti il concorso per Dirigenti scolastici in Sicilia. Non si parla più di prove orali, non si parla più di ricorsi, non si parla più di prove scritte corrette o scorrette, non si parla più e basta. A volte il  parlar troppo può distruggere  e far svanire un obiettivo costruito con il sacrificio di un lavoro intenso e certosino, a volte l'amico di mille battaglie può tradire per un tozzo di pane, a volte le speranze di veder riconosciuto il merito professionale si sciolgono al cospetto dell'interesse personale di chi deve essere collocato al posto giusto nel momento giusto. 
Le regole del silenzio valgono ancora di pù¹ se risiedono in una terra economicamente povera e molto spesso esposta all' illegalità  diffusa, valgono ancora di più in una terra condizionata sin dalle sue origini  da piccoli gruppi di potere per il potere, valgono ancora di più in una terra dove un semplice concorso pubblico può fare la differenza sociale di chi lo vince. Stare in silenzio vuol dire attendere, vuol dire riflettere sulle mosse future, vuol dire ripassare le azioni già  eseguite per riflettere meglio su quelle da eseguire.  Il  silenzio innervosisce chi ha qualcosa da nascondere, chi avendo stabilito a tavolino strategie e tattiche non ha più la sicurezza della loro efficacia, chi abituato a tradire non ha più nulla da riferire. Il silenzio, però è premonitore di qualcosa che con il silenzio ha poco a che fare: la tempesta, la saetta, il fulmine, il boato. Se tempesta sarà , ben venga la tempesta, purchè sia portatrice di legalità , di trasparenza e di regolarità  procedurale. Chi vivrà  vedrà .

Questo articolo di Aldo Domenico Ficara è abbastanza inquietante. Però ha assolutamente ragione, in nessuna regione d'Italia il concorso ds aveva provocato un silenzio così assordante come in Sicilia!






Da: @Di Aldo FIcara25/01/2013 22.27.50
Se il concorso venisse annullato,per evitare ricorsi all'infinito, sarà  necessario che la nuova commissione abbia come presidente un magistrato, mentre i commissari dovranno essere scelti tra esperti provenienti da altre regioni, possibilmente del nord Italia, onde evitare qualunque conflitto di interessi, raccomandazioni, bustarelle ed infamie varie. Se la commissione fosse composta cosi', nessuno oserebbe batter ciglio dopo i risultati. La mia convinzione è che in Sicilia, anche se annullassero il concorso e si rifacessero le prove, accadrebbero sostanzialmente le stesse cose viste col 2004 e 2011, ai posteri...

Da: @@aldo <ficara26/01/2013 9.15.05
ad Aldo Ficara .
Come sempre le tue analisi sono puntuali : hai scritto bene la quiete prima della tempesta che fra poco scoppierà  e allora sì che si dovrà  parlare e lottare e stai tranquillo che non staremo a guardare!!!!!

Da: arabafenice12 26/01/2013 9.17.02
Con le ultime elezioni politiche la Sicilia sembra che stia iniziando ad uscire dal secolare torpore. Ci si augura che non sia un episodio isolato. I tempi sono maturi per iniziare a dare segnali forti. Tutti noi dobbiamo contribuire affinchè la legalità  venga ristabilita. Non possiamo rimanere rassegnati a questo andazzo. Questo concorso è quanto di più iniquo possa accadere. L'evidenza traspare dagli elaborati degli idonei. La retorica e le scopiazzature dai codici hanno avuto la meglio, oltre alle.............................

Da: @arabafenice1226/01/2013 10.42.48
Non trovo che la Sicilia sia così profondamente cambiata rispetto al passato, certamente l'elezione di Crocetta segna un cambiamento, ma di che tipo sia lo vedremo col senno di poi. Sono invece completamente d'accordo con l'analisi di Aldo Ficara, perchè è proprio vero che gli interessi sul concorso ds erano enormi, effettivamente diventare presidi rappresenterebbe una svolta più che economica soprattutto sociale, in una regione dove le caste, come nell'India Induista, non sono così facili da superare. Ciò che accade quando si bandiscono concorsi per l'accesso ai ruoli superiori dell'amministrazione non dipende necessariamente dall'appetibilità  della nuova situazione economica che ne scaturirebbe, quanto dal nuovo status sociale che il vincitore ne acquisirebbe. Per questo motivo quando si bandiscono concorsi per Ds in Sicilia (e non solo), i gruppi di potere fanno di tutto per esserci. Credo che se non si hanno protettori è difficile vincere un concorso come quello per Ds. E' molto probabile che i bocciati degli ultimi giorni siano soprattutto esemplari non protetti, specie in via di estinzione. Questo processo si concluderà a metà  marzo, quando il concorso sarà. Solo allora capiremo veramente, anche perchè la Sicilia è piccola e la gente mormora...