martedì 25 febbraio 2014

Scuola, le intercettazioni del concorso per presidi truccato: "Se deve vincere,vincerà..."


"Quella non fa niente, non capisce niente, e se deve vincere il concorso glielo fanno vincere con reggenti e prove. Chissà quale c... di inciucio che faranno". Così Pietro Esposito, ex direttore generale dell'Ufficio regionale scolastico, parlava al telefono, con un capo di istituto, di Giovanna Sommella, compagna di Maurizio Piscitelli, ex dirigente del Miur, e candidata a dirigente scolastico (tutti e tre sono indagati). La conversazione è riportata nel decreto di sequestro notificato dalla Guardia di Finanza a sei partecipanti al concorso - tra cui appunto Sommella - nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte irregolarità nello svolgimento delle prove. "Se me mettono a me (in commissione, ndr) devo far vincere pure a questa, sicuramente", dice Esposito. L'interlocutore replica: "Va bene, ma ci mettiamo pure gente nostra dentro, però". Ed Esposito: "E che, siamo fessi? Non ho capito...". Tra le persone intercettate, ma non indagate, figura Valentina Aprea, ex parlamentare del Pdl e successivamente assessore all'Istruzione della Regione Lombardia. Il concorso sul quale stanno indagando i militari della Guardia di Finanza, coordinati dal colonnello Carmine Virno, è quello per esami e titoli per il reclutamento di 2386 dirigenti regionali in tutta Italia, di cui 224 in Campania, per la scuola primaria, per la scuola secondaria di primo e secondo grado e per le istituzioni scolastiche educative.


Le procedure si erano concluse il 18 febbraio scorso. Dopo i sequestri di questa mattina, il concorso in Campania è di fatto bloccato. Le indagini, scrive il pm nel decreto di sequestro, oltre a "dare conferma di un'organizzazione in grado di condizionare con mezzi illeciti tutti i settori della pubblica amministrazione che ricadono nell'ambito dell'Ufficio scolastico della Campania", hanno consentito di accertare "che i componenti di tale associazione agiscono con assoluta determinazione allo scopo di condizionare gli esiti di un concorso". Tra gli indagati figurano, come detto, Maurizio Piscitelli, ex dirigente del Miur; ed ancora, Salvatore Margiotta, segretario provinciale di Napoli del sindacato Snals; Pietro Esposito, ex direttore generale dell'Ufficio regionale scolastico della Campania; Mario Capunzo, docente all'Università di Salerno e presidente della commissione di base nonchè di tre sottocommissioni.

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2014/02/25/news/scuola_le_intercettazioni_del_concorso_truccato_se_deve_vincere_vincer_-79634668/

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.