giovedì 18 agosto 2016

Potrebbe tornare il corvo del Miur per svelare i misteri dell’ algoritmo ?


Il 17 novembre del 2012 su Il Fatto Quotidiano si scriveva (http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/11/17/u-corvo-al-ministero-ricerca-cricca-degli-appalti-truccati/417926/ ): “ Dopo quello al Viminale, ecco il corvo del Miur. Un documento inviato al Fatto Quotidiano mette in subbuglio molti dirigenti del ministero guidato da Francesco Profumo. L’anonimo, probabilmente un funzionario di ruolo, in un centinaio di pagine molto circostanziate racconta il “sistema” che avrebbe infettato da tempo uno dei centri di spesa principali del governo: la Direzione Generale della Ricerca, responsabile dell’erogazione di 6,2 miliardi di contributi comunitari a fondo perduto, 3 miliardi di budget statale e un miliardo l’anno di fondi ordinari per gli enti di ricerca. Una montagna di soldi, anche per il sud, in parte già finiti al centro di alcune inchieste per truffa, dal dissesto dell’Idi romana al Gruppo Silva che dirottava al nord i fondi europei per il meridione.” Quattro anni fa si parlava del Corvo del Miur.  Oggi i misteri del famigerato algoritmo della mobilità 2016/17 alzano i livelli fisiologici del dubbio. La protesta  si fa sempre più forte, al pari del desiderio di conoscere il funzionamento dell’algoritmo, causa di tanti disagi. Oggi come quattro anni fa potrebbe verificarsi il colpo di scena, lo stesso corvo potrebbe impietosirsi e rivelare il mistero. Se poi il corvo del 2012 ha origini meridionali la faccenda potrebbe diventare esplosiva. Attenti al corvo, soprattutto se è un corvo del sud !

 

Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.