lunedì 17 ottobre 2016

I vincoli per la definizione di un buon orario scolastico


Per la definizione dell’orario scolastico si dovranno tenere presenti alcuni vincoli di tipo strutturale che riguardano la scuola nel suo complesso e le attività didattiche in specifico. L’orario viene elaborato a partire da questi vincoli, di conseguenza si dovrà dare la precedenza, nella stesura dell’orario, alle classi con insegnanti coinvolte in vincoli strutturali. Questi vincoli strutturali sono:
·        Insegnanti su più scuole/ spezzoni
·        Insegnanti  in part time
·        Necessità di utilizzo di alcuni spazi comuni del plesso (palestra, laboratori,..)
Ai vincoli strutturali  si aggiungono quelli  didattici, infatti, i vincoli didattici sono determinati da scelte educative / metodologiche /organizzative, che tengono in particolare conto il benessere degli studenti. Tra questi citiamo:
·        L’orario di religione che viene elaborato dai team tenendo conto delle classi con alunni esonerati da IRC per accorpare il più possibile le ore di AA.AA.
·        Le compresenze che andranno diluite nell’arco della settimana (pomeriggi compresi).
·        L’orario dell’attività motoria e dell’uso della palestra che verrà elaborato prima dei singoli orari di classe tenendo conto, nei vari plessi, anche dell’utilizzo da parte di più ordini di scuola: infanzia-primaria e primaria-secondaria.
·        Le ore di eccedenza che andranno utilizzate in supporto a particolari situazioni di classi sovradimensionate e in progetti strutturati (recupero linguistico alunni stranieri, alunni BES …)

 

Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.