sabato 22 ottobre 2016

Procedimenti disciplinari per una docente veneziana che insulta su Facebook


La pagina Facebook di una professoressa veneziana  è piena di invettive contro gli stranieri, a queste si aggiungono improperi contro Renzi e il sindaco di Venezia Brugnaro e ricordi nostalgici di Benito Mussolini. Infatti,  su un articolo pubblicato nelle pagine de  Il Secolo XIX si scrive: “ Attacca i bambini musulmani, i migranti in arrivo, ai quali augura «di affogare», e l’accoglienza di quanti fuggono dalle guerre, considerati «la peste del terzo millennio “. Tali pensieri  sono stati esposti dalla stessa docente anche davanti agli alunni del liceo Marco Polo in cui insegna. A denunciare il caso sono stati i deputati di Sinistra Italiana Giulio Marcon e Celeste Costantino, chiedendo indagini e un’ispezione ministeriale urgente. Inoltre un collaboratore dei due deputati di Sinistra Italiana, che hanno denunciato il caso, ha raccolto nel tempo i commenti increduli di alunni e insegnanti della professoressa. Racconti, sotto promessa dell’anonimato, che dicono come l’insegnante non si faccia riguardi a esporre dalla cattedra le sue idee. Prima al liceo Foscarini e ora al Marco Polo. A questo punto  sul caso interviene proprio il Miur  dichiarando che l’insegnante è già al centro di due procedimenti disciplinari avviati dall’Ufficio Scolastico del Veneto a seguito di segnalazioni pervenute nelle scorse settimane.  Sul caso del quale è stata interessata anche la procura della Repubblica di Venezia.  Da notare che Facebook sempre più spesso diventa  un ambiente virtuale dove sfoghi e frustrazioni sono esorcizzati con insulti e improperi a 360 gradi. Gli insegnanti, come nel caso sopra descritto, entrano in questo calderone del cattivo gusto social, senza nemmeno rendersi conto delle conseguenze penali delle loro azioni.

 

Aldo Domenico Ficara