domenica 8 gennaio 2017

Insegnante assente? L’abitudine di accorpare le classi è illegittima


In caso di assenza di un insegnante non si possono accorpare le classi, infatti, tali procedure organizzative non sono ammesse dalla C.M. n. 9839 dell’8/11/2010 che così dispone: “Ad ogni buon conto, proprio in considerazione del diritto degli studenti e nel rispetto del C.C.N.L. dei docenti, così come precisato anche dalla C.M. 9839, non risulta praticabile laddove dovessero sussistere casi, la soluzione organizzativa di accorpare le classi in caso di assenze brevi del personale docente; ciò non solo non è previsto da alcun regolamento, ma costituisce di fatto, sia pure in via temporanea, una modifica dell’organico non autorizzata, la costituzione di pluriclasse e la violazione di qualsiasi norma di sicurezza”. Esistono nel caso di pratiche riguardanti l’accorpamento delle classi,  norme di sicurezza da non trascurare, (vedi quanto previsto dal Decreto Ministeriale del 18 dicembre 1975 riguardo i parametri di agibilità e igienico-sanitari delle scuole). Allo stesso modo non è possibile utilizzare l’insegnante di sostegno o di religione cattolica anche se su disposizione del dirigente scolastico. Infatti, quest’ultimo caso  comporta, per il personale docente, l’assunzione di responsabilità penali e patrimoniali non previste, mettendo a repentaglio la sicurezza degli stessi alunni pregiudicandone il diritto allo studio.

 

Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.