sabato 10 giugno 2017

Testo Unico. Depotenziamento della legge? Dal decreto non sembra!

di Gianfranco Scialpi
Sono abituato a leggere i documenti, prima di formulare valutazioni. Ho superato la fase delle luci del palcoscenico, oggi chiamata "annuncite" che grazie alla composizione dei suoi effetti vuoti , nasconde o altera i fatti.
E' il caso del Testo Unico (Madia). I sindacati, in particolare la Cgil-scuola, nella giornata del 19 maggio, aveva dichiarato la "sua vittoria", affermando che la filosofia del Decreto Brunetta ( Decreto Legislativo 165/2001 ) era stata superata a favore della contrattazione.
Bene, ho fatto una sinossi ( vedi sotto ) tra il "Decreto Brunetta" e il suo aggiornamento nel testo unico. Le integrazioni sono proposte nello 
schema del decreto (ricordo che ancora non il testo non è ancora stato pubblicato sulla G.U.)
Art 2 comma 2 Decreto Brunetta
 Testo unico (Madia) art 1
I rapporti di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sono disciplinati dalle disposizioni del capo I, titolo II, del libro V del codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell'impresa, fatte salve le diverse disposizioni contenute nel presente decreto che costituiscono disposizioni a carattere imperativo. Eventuali disposizioni di legge, regolamento o statuto, che introducano discipline dei rapporti di lavoro la cui applicabilità sia limitata ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, o a categorie di essi, possono essere derogate da successivi contratti o accordi collettivi e, per la parte derogata, non sono ulteriormente applicabili, solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla legge.

I rapporti di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sono disciplinati dalle disposizioni del capo I, titolo II, del libro V del codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell'impresa, fatte salve le diverse disposizioni contenute nel presente decreto che costituiscono disposizioni a carattere imperativo. Eventuali disposizioni di legge, regolamento o statuto, che introducano o che abbiano introdotto discipline dei rapporti di lavoro la cui applicabilità sia limitata ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, o a categorie di essi, possono essere derogate nelle materie affidate alla contrattazione collettiva ai sensi dell’articolo 40 comma 1, e nel rispetto dei principi stabiliti dal presente decreto da successivi contratti o accordi collettivi nazionali e, per la parte derogata, non sono ulteriormente applicabili.

Una breve riflessione
A mio parere risulta incomprensibile  la conferma del carattere "imperativo  delle disposizioni del decreto "Brunetta" con la la parte eliminata " solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla legge." Mi sembra un'operazione finalizzata a ridurre la natura "tranciante" del Decreto legislativo 165/2001. In altri termini: rendere meno amaro lo sciroppo!
L'impressione è confermata dall'inserimento della parte "possono essere derogate nelle materie...", che stabilisce lo spazio di gestione del contratto, rispetto all'imperatività della legge.
Concludendo, se la mia lettura è corretta (gradirei conferme o smentite) le parti sociali sono rimaste con un "pugno di mosche in mano". Ecco spiegato il silenzio che regna nei loro siti! Se le cose fossero andate diversamente, avrebbero utilizzato tutte le fanfare per "spargere ai quattro venti" la loro vittoria!
Ed ora questi sindacati si preparano alla firma del più irrispettoso contratto pubblico dal 1990. Sono curioso quali argomenti porteranno per giustificare questa ulteriore offesa alla dignità dei lavoratori.
Un suggerimento: non firmatelo!


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.