sabato 1 luglio 2017

Educazione diffusa: il libro di Luigi Gallo e Paolo Mottana

L'educazione diffusa potrebbe governare la prossima transizione da una società della frustrazione a quella del benessere. Noi non siamo più abituati a vedere bambini che non siano confinati in luoghi speciali, sotto vigilanza. Abituare i bambini anno dopo anno alle leggi della passività, del premio e della sanzione, della competizione, della minaccia, della dipendenza li renderà assoggettati, sudditi. Ci ha reso assoggettati, sudditi. Almeno in parte. Oggi c'è un fermento speciale nella società. C'è chi pensa e pratica nuovi modelli produttivi, dall'economia circolare alla share economy, modelli energetici diffusi, ecologici e distribuiti, nuove forme di trasporto collettivo e condiviso, di diffusione e produzione del sapere e dell'informazione. In questo libro si respirerà un pezzo della rivoluzione culturale che emerge a sprazzi in Italia e nel mondo nei modelli virtuosi in campo didattico, pedagogico e formativo. Il libro “Educazione diffusa” raccoglie la sfida di pensare ad una nuova forma per la scuola e l'educazione, di concentrarsi sul “come” e non sul “cosa” come accade nell'ozioso dibattito che ragiona sulle discipline da potenziare nella macedonia delle materie scolastiche. I bimbi vengono separati dal mondo, affidati ai libri di testo, rinchiusi intere giornate nelle aule scolastiche." Argomenti complessi che attirano il lettore competente

Gli autori:

Luigi Gallo

Luigi Gallo è ingegnere Informatico e docente di Elettronica è attualmente parlamentare del M5S alla Camera dei Deputati in Commissione VII (Cultura. Scienza e istruzione). Autore di tante battaglie a difesa dei docenti e della scuola pubblica ottiene nel 2013 nella legge 104 l'approvazione di una norma, mai attuata dal governo, che da vita ad una biblioteca virtuale nazionale di libri scolastici autoprodotti dalle scuole e forniti gratuitamente alle famiglie. Nel 2006. in Kenya, realizza un reportage sul Commercio equo e solidale e nel 2008 è osservatore internazionale in Messico in solidarietà con gli indigeni zapatisti.

Paolo Mottana


Paolo Mottana è professore ordinario di filosofia dell’educazione presso l'Università di Milano Bicocca. Da anni si occupa dei rapporti tra immaginario, filosofia ed educazione. Scrive sul blog Controeducazione nel quale sviluppa una politica culturale alla insegna dell’affermazione vitale dei soggetti in formazione in conflitto con le pratiche di disciplinamento diffuse nelle agenzie di educazione istituzionali. Tra le sue pubblicazioni: Formazione e affetti (Armando, 1993); Miti d'oggi nell'educazione. E opportune contromisure (Angeli 2000); L'opera dello sguardo (Moretti e Vitali, 2002); La visione smeraldina. Introduzione alla pedagogia immaginale (Mimesis, 2004); Antipedagogie del piacere: Sade e Fourier e altri erotismi (Angeli, 2008); L'immaginario della scuola (a cura di, Mimesis, 2009); Eros, Dioniso e altri bambini. Scorribande pedagogiche (Angeli, 2010); Piccolo manuale di controeducazione (Mimesis, 2012), Cattivi maestri. La controeducazione, di Scherer, Vaneigem, Bey (Castelvecchi, 2014), La gaia educazione (Mimesis, 2015).

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.