sabato 8 luglio 2017

Massimo Gramellini riflette sulle scelte scolastiche di Gianluigi Donnarumma

Sul "Corriere della Sera" lo scrittore Massimo Gramellini scrive nella rubrica "Il Caffè" una riflessione riguardante le scelte di vita scolastica fatte da Donnarumma, il tanto chiacchierato portiere del Milan: “  E uno dovrebbe scandalizzarsi perché Gianluigi Donnarumma, il portiere del Milan di appena diciott’anni che guadagnerà sei milioni a stagione, ha rinunciato a sostenere l’esame di maturità per volare a Ibiza sull’aereo privato del suo procuratore “lucignolo” Mino Raiola?  In un Paese dove la scuola fosse ancora un luogo di evoluzione culturale e umana, la scelta disimpegnata di Gigio sarebbe meritevole di indignazione. Ma da anni il sistema politico e una parte significativa di quello scolastico considerano lo studio soltanto uno strumento per trovare lavoro. Non chiedono più alla scuola di insegnare ai ragazzi un metodo di pensiero da utilizzare in ogni occasione, ma solamente le conoscenze pratiche per ottenere un impiego sicuro, peraltro sempre più raro. Non ci sentiamo forse ripetere come un mantra che certe materie astratte non portano a nulla e che bisogna mettere gli studenti in contatto con il mondo dei dispensatori di stipendio? Ma se la scuola serve solo a trovare lavoro, Gigio può infischiarsene di quel pezzo di carta, dato che lui un lavoro ce l’ha già e in un anno guadagnerà quanto tutti i suoi compagni di classe in una esistenza intera.  Magari tra qualche tempo cambierà idea e colmerà la lacuna, perché le cose iniziate è sempre meglio portarle a termine, anche solo per una questione di carattere. Oppure no, e in tal caso resterà iscritto per tutta la vita al club dei ricchi ignoranti, in Italia così frequentato che non correrà mai il rischio di soffrire di solitudine “.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.